Caro cliente, quanto mi costi!

Acquisire nuovi clienti, si sa, costa. Costa perché se sei una piccola impresa, devi crearti la tua forza vendita che va in giro a convincere i potenziali clienti sulla bontà del tuo prodotto. Costa perché, se sei un’agenzia immobiliare, devi recarti innumerevoli volte con gli esigenti coniugi, a visitare le case disponibili, prima che questi scelgano. E se scelgono. Costa perché se sei un libero professionista, ad esempio un avvocato, e ti sei specializzato su un determinato campo, ma nessuno lo sa, allora dovrai intraprendere una campagna di comunicazione e marketing per informare il target del tuo servizio. Insomma acquisire clienti costa. Costa in termini di spese per il carburante, di personale dedicato, di materiale pubblicitario, di sforzi e soprattutto di tempo.

Come si fa allora a trarre il massimo profitto da questi costi? La strategia più giusta spesso è quella di mantenere il rapporto con il cliente, anche dopo la conclusione del suo processo di acquisto. Invece di uno squillante arrivederci e grazie, sarebbe opportuno non lasciarla mai definitivamente la mano al nostro cliente. Il motivo è semplice. Acquisire nuovi clienti costa. Se si riesce, invece, a far ripetere l’acquisto al nostro caro cliente, allora il suo costo di acquisizione diminuisce e il nostro margine aumenta. Praticamente dobbiamo mettere la residenza nella sua mente. Solo così, quando dovrà fare un nuovo acquisto o consigliare un fornitore a un conoscente, è probabile che faccia il nostro nome.

Interessante! Ma come si fa a mantenere un contatto con qualcuno che ha già acquistato, e magari vendiamo case, consulenze legali o auto, che non si acquistano tutti i giorni? Bisogna innanzitutto iniziare a prendere dimestichezza con i CRM, cioè quei database che ti consentono di inserire i nomi e i dati dei clienti e poi cercare di usare questi dati a nostro favore. Sì, ma come?

Per esempio inviando, tramiti appositi programmi, una newsletter con delle informazioni utili. E quindi se siamo un’agenzia immobiliare, invieremo delle newsletter con informazioni sull’andamento immobiliare della zona; informazioni sulle tasse da pagare e sulle agevolazioni fiscali; oppure informazioni sulla manutenzione della casa.

Un altro modo per rimanere in contatto è di inviare sconti particolari, gadget con il nostro brand o cartoline per compleanni, Natale, Pasqua e ricorrenze importanti. Un regalo e un pensiero sono sempre ben accetti.

Un ulteriore modo per continuare a gestire la relazione è quello di creare gruppi sui social, come ad esempio su Facebook. Una dietologa per esempio potrebbe aprire un gruppo per condividere con i suoi clienti frasi motivazionali, ricette e consigli. Il cliente, così, non si scoraggia ad andare avanti ed è facile che parli della dottoressa anche a parenti e amici, visto che è presente quasi quotidianamente nella sua bacheca virtuale.

Insomma sono tante le strategie che possono essere adottate per tenere stretto il tuo caro cliente! Non farlo andare via dopo il primo acquisto, aiutalo a rimanere in contatto con te! A guadagnarci sarai soprattutto tu.

Read Previous

Calendario venatorio, Verì bacchetta Imprudente e chiede allungmento caccia fino al 20 gennaio

Read Next

Pineto, supermercato solidale La Formica festeggia 3 anni con un workshop sullo spreco alimentare