Atri, duro affondo del PD al Sindaco Ferretti: su Ospedale San Liberatore nessun passo in avanti, meglio si prenda una vacanza

ATRI – Avremmo voluto raccontare e commentare l’ultimo Consiglio Comunale nel quale finalmente siamo riusciti a discutere di Sanità con i Consiglieri comunali e regionali, se non fosse che poi il dibattito è stato funestato da un improvviso attacco isterico da parte del Sindaco Ferretti. Egli, nel suo ruolo istituzionale, invece di ammorbidire, ricucire, proporre soluzioni unitarie, è scoppiato in un inutile, forsennato ed incredibile alterco con un consigliere dell’opposizione.

Immaginando la tensione accumulata, strattonato dai suoi da una parte all’altra, confuso e inefficiente, Ferretti non ha retto e ha voluto dimostrare la sua forza e fermezza con un’uscita che ha sfiorato la farsa e il comico.

Sindaco, siamo sinceramente preoccupati! Si prenda una piccola vacanza, si riposi se le può essere utile, e ricordi che è il garante di tutti.

Ma veniamo a cose più serie!

Ci sembra utile ricapitolare brevemente la nostra posizione sul ruolo del nostro Ospedale e sulla Sanità in generale.

  E’ necessario non disperdere la grande esperienza maturata con l’emergenza Covid 19 che ci ha dato tanta apprensione, ma anche tanto lustro e vanto.

Se noi adesso, non trasformiamo questo lustro e vanto in qualche cosa di concreto, di affidabile e di duraturo, rimarrà solo un bel ricordo.

Al contrario, se partiamo da ciò per costruire un processo nuovo di espansione e di presenza qualificata nella sanità provinciale e regionale, allora avremo ottenuto qualcosa di veramente importante e nuovo che va oltre le vecchie e solite lamentazioni dell’abbandono di Atri, della sua marginalità e della sua decadenza e via piangendo con il cappello in mano.

Noi avvertiamo la necessità di una progettualità nuova, di una iniziativa politica forte e unitaria che è già venuta dalla risoluzione approvata alla unanimità dal Consiglio Comunale e che riteniamo un punto fermo ed importante che ci deve aiutare a metterci in moto per la sua realizzazione, ognuno nel proprio ambito.

La mission di questa pianificazione futura è quella di non interrompere la normale attività dell’Ospedale rinnovato e potenziato, anche in presenza di eventuale emergenza infettiva, con conversioni e riconversioni dannose e costose.

Nel Presidio di Atri questo è possibile dedicando interamente il padiglione C ad accogliere e gestire l’emergenza epidemica, separato ed isolato dai padiglioni B ed A dove verranno compattati i reparti e servizi necessari per garantire le normali prestazioni sanitarie in maniera definitiva.

Questa è sicuramente l’occasione propizia per una riflessione, definizione e giusto potenziamento della nostra struttura sanitaria, per richiedere e definire un progetto e un ingresso del S. Liberatore nella rete degli Ospedali che entreranno a far parte del Piano Pandemico Regionale.

Purtroppo non possiamo fare a meno di riscontrare una assenza del Sindaco del nostro Comune nella fase in cui bisognava farsi sentire adeguatamente presso gli organismi sanitari e politici provinciali e regionali per portare avanti quanto concordato nei documenti sottoscritti. Ciò forse è dovuto a resistenze interne e posizioni contraddittorie venute fuori nell’ultimo Consiglio?

Noi pensiamo che chi non riesce a confrontarsi con chi la pensa diversamente forse perché si sente tanto potente da poterne farne a meno o perché pensa che è più furbo fare finta per poi procedere come meglio crede, persegue una politica perdente che non fa fare un passo in avanti a nessuno.

La politica dei cosiddetti furbi può avere anche dei risultati immediati, ma a lungo andare si scopre l’asfissia che travolge anche chi la pratica.

   Noi vogliamo far rilevare la incapacità politica della maggioranza e della Giunta Ferretti-Astolfi ad aprirsi, ad ascoltare, in una parola a “confrontarsi” anche al loro interno.  Pensano forse che così si fanno delle “concessioni” agli avversari politici?

 Loro comandano e basta!  Salvo quando hanno l’acqua alla gola richiedere interventi che per poi “scordarsi” anche di ringraziare.    

                    IL CIRCOLO DEL PARTITO DEMOCRATICO DI ATRI

Read Previous

Covid, l’Abruzzo rimane in zona arancione fino a fine mese: Rt ancora sopra 1

Read Next

Coronavirus, dall’inizio della pandemia approvate 450 norme