MUSICA, “FOGLIA”: ESORDIO DI SUCCESSO PER IL BRANO DEL 17ENNE DI ALBA ADRIATICA MARIO DI FRANCESCO

ALBA ADRIATICA – Diciassette anni compiuti da poco e talento musicale da vendere. Questo è Mario Di Francesco, giovane ragazzo di Alba Adriatica che, con la sua nuova canzone, sta cercando di conquistare la scena musicale.
Oltre 1200 visualizzazioni su Youtube in appena tre giorni per “Foglia”, brano composto interamente da Di Francesco che ne ha curato anche l’arrangiamento. La canzone, di genere indie pop, è stata prodotta dall’etichetta indipendente BN?KR e sta riscuotendo un particolare successo tra i giovani che ne apprezzano sia il testo che il sound semplice, ma fresco e innovativo.
Un inizio promettente per questo giovane cantante che coltiva la sua passione per la musica fin da bambino e che ora ha provato a mettere in mostra il proprio talento, oltre che nel canto, anche nella composizione di testi e musica. “Foglia” vuole rappresentare il mondo dell’amore visto da un giovane di oggi che si divide tra scuola, amici e sport: un ragazzo apparentemente come tanti, ma attento osservatore della realtà che lo circonda e che con questo brano mette a nudo il lato più sensibile e nascosto di sé.
Nato ad Atri il 24 dicembre del 2001, Mario Di Francesco vive ad Alba Adriatica e studia al Liceo “Curie” di Giulianova dove frequenta il quarto anno dell’indirizzo scientifico.
Autodidatta nella musica, inizia a suonare da bambino la chitarra con il padre, per poi avvicinarsi anche al pianoforte, strumento che senza dubbio predilige. Ha cantato nel coro “Piccolo Coro Amadeus” di Alba Adriatica sotto la direzione del maestro Federico Branella. Tra i suoi modelli di riferimento certamente Ed Sheeran, Ultimo ed Ernia.
Il brano “Foglia” è il primo pubblicato da Mario Di Francesco ed è disponibile sulle più diffuse piattaforme musicali, tra cui Spotify, Youtube, Applemusic ed Itunes.

Read Previous

REGIONALI, PER RIFONDAZIONE COMUNISTA NIENTE LISTA: AMAREZZA ED ORGOGLIO

Read Next

REGIONALI, CENTRO DESTRA IN SUBBUGLIO PER GLI “INDESIDERATI” OLIVIERI E SCOCCIA