Entra a far parte della Lega in Abruzzo l’ex parlamentare Fabrizio Di Stefano

Entra nella Lega di Salvini l’abruzzese Fabrizio Di Stefano, due volte parlamentare – prima senatore con Forza Italia, poi deputato del PdL – e già consigliere regionale. L’ingresso è stato annunciato in conferenza stampa questa mattina a Pescara dal segretario regionale della Lega Abruzzo, il deputato Giuseppe Bellachioma, insieme a Luigi D’Eramo, vice coordinatore, anch’egli alla Camera, e a Gianfranco Giuliante, commissario provinciale del
partito a Pescara.  “Ringrazio Bellachioma con il quale c’è sempre stata sintonia. Vengo per portare la mia esperienza, per dare appoggio e sostegno ad amici. E non mi candido alle Europee” ha detto Di Stefano sottolineando l’importanza della “solidarietà da parte di chi è classe dirigente verso il popolo amministrato“.
Di Stefano rappresenterà un valore aggiunto per la Lega – ha dichiarato D’Eramo per il quale – il suo ingresso dimostra come il nostro processo di radicamento continua in maniera intelligente, per pianificare un’azione politica e amministrativa da qui a vent’anni“. “Il percorso di Fabrizio Di Stefano con la Lega è un percorso condiviso – ha detto BellachiomaLa sua adesione è stata condivisa dai vertici nazionali, parlo di Giancarlo Giorgetti e di Matteo Salvini. Siamo convinti che con la sua esperienza aiuterà il partito a crescere. Di Stefano si occuperà dei rapporti con gli enti locali, si interfaccerà con l’assessore regionale Piero Fioretti“. Nel gennaio scorso Bellachioma aveva manifestato la volontà di aprire a Fabrizio Di Stefano, quando l’ex parlamentare stava valutando la possibilità di una corsa solitaria con liste civiche per la presidenza della Regione Abruzzo. “Come coordinatore della Lega farò di tutto perché Di Stefano entri a far parte della squadra del centrodestra” aveva dichiarato allora Bellachioma (ANSA).

Read Previous

L’Adriatica Press Teramo si prepara per il rush finale

Read Next

FOTO | L’Aquila, in 15mila al corteo in memoria delle 309 vittime del sisma del 6 aprile 2009