Breaking News :

ASP 2, Osservatorio Atriano preoccupato per avvicendamento Presidente Prosperi

bty

ATRI – L’attuale consistenza patrimoniale dell’Azienda Pubblica di Servizi alla Persona n.2 -Teramo , è il frutto di una trasformazione giuridica, da Fondazione ed Ente Morale IPAB( Istituzione di Assistenza e Beneficenza Pubblica) ad ASP n. 2 Teramo ,che ha attraversato quasi 70 anni della nostra storia cittadina, ovvero l’incredibile patrimonio Domenico Ricciconti, che ammonta ad oltre 20 milioni di euro,come da Bilanci pubblicati anno 2018 sul portale web ASP n. 2 Teramo, con quasi 600 ettari di terreni, considerati i relativi proventi da affitti per la gestione di aziende agrarie, e numerosi edifici dislocati sull’intero territorio comunale,
E se altri 20 ettari di questi terreni, verranno espropriati dal Consorzio Piomba Fino, e si sommeranno a quelli già sacrificati per i precedenti ampliamenti della Discarica di Santa Lucia , e nell’eventuale decisione regionale di favore , allora la volontà regionale sarà più forte di una volontà di un lascito testamentario? Un lascito testamentario che non poteva certo prevedere che parte del suo patrimonio sarebbe stata destinata alla costruzione di una discarica!
Nella memoria collettiva conserviamo indelebile il ricordo dei tantissimi concittadini, che si sono
avvicendati alla presidenza : De Lauretis, Capuani, l’indimenticabile Luigino Sciarra. Nel 2015, ed è storia recente, viene nominata una delle prime donne Mimma Centorame e dopo le sue dimissioni l ‘attuale presidenza Prosperi.
Il mandato è attualmente in scadenza per il 15 dicembre e dovrà essere ricostituito dall’Assemblea
dei portatori di interessi, (Regione Abruzzo,Provincia di Teramo, Comuni di Atri, Pineto e Giulianova), il nuovo Cda e il suo Presidente, come da relative disposizioni statutarie.
La comunità atriana che non può dimenticare “l’inalienabile ricchezza donata alla povertà e alle orfanelle” dal lascito testamentario di Domenico Ricciconti spera fortemente che questa scelta non si riveli la solita scelta di palazzo. Che si torni a guardare questa nostra città con il cuore e lo sguardo illuminato, perché “Non si vede bene che col cuore”.
Al timone della nave ASP n.2 Teramo, “la gente di Atri”unanime e compatta sottoscrive. Chi non può dimenticare, all’indomani della guerra l’abbraccio materno, generoso della comunità atriana alle orfanelle e alla infanzia tutta, private dei riferimento familiari dalle miserie del conflitto bellico, e mani e braccia operose e amorevoli delle religiose vincenziane.
Chi conosce e ama il territorio, chi si farà carico di riportare la” famiglia di nuovo al centro” delle azioni e sinergie dei servizi socio-assistenziali per ricomporre i frantumi di una società fragile perché preda di una povertà che non’ è solo materiale, individuando i bisogni essenziali e tutelando i minori e gli anziani, nel nuovo Ambito sociale intercomunale delle Terre del Cerrano dove sarà possibile usufruire di detti servizi.
Chi più saprà agire nel nome della famiglia e custodirne i valori universali ,senza tempo, una persona degna degli altissimi valori di carità e uguaglianza contenuti nel lascito testamentario che è come un faro da seguire in questa tempesta di interessi in gioco, per guidarla nel mare aperto delle idee e attenzione al prossimo.
Di quel progetto educativo e formativo dedicato alle nuove generazioni, forse tra i sogni più belli, di un uomo di altri tempi ma con una grande visione di uguaglianza nei diritti e opportunità già da allora.
Crediamo che Roberto Prosperi, il presidente uscente (animo buono di grandi ideali e competenza del mondo no-profit), resosi disponibile ad un nuovo mandato, sommi tutte queste qualità e i numerosi attestati di stima e affetto ricevuti , lo confermano.

La Coordinatrice Reparata Graziosi
Osservatorio Atriano- Coordinamento Donne

Read Previous

Torano Nuovo, approvati due ordini del giorno della minoranza su pari opportunità e consulta giovani

Read Next

TaSpy Club, al via la terza edizione della Scuola Pallacanestro TaSp Young che concilia basket, cinema, libri e arte