“Periferia si fa centro” e “Cambio rotta”: partnership del Comune di Teramo in due progetti contro le discriminazioni e la devianza minorile

TERAMO –  Due progetti per il sociale partiranno presto al Comune di Teramo. Con due delibere di giunta è stata infatti approvata, su impulso dell’Assessore al Welfare Ilaria De Sanctis, la partecipazione ai bandi denominati “La Periferia si fa Centro” e “Cambio rotta”.

Per il primo il Comune sarà partner della Onlus Anolf Teramo. Il progetto è stato già elaborato dal Centro Servizi per il Volontariato Abruzzo, indicando l’accreditamento nelle aree di educazione e promozione culturale, del turismo sostenibile e dello sport e la promozione della pace tra i popoli.

Tra le linee di intervento sono previsti diversi target, tra questi la riduzione delle ineguaglianze e delle discriminazioni e la diffusione della cultura dello sport  al fine di migliorare la vita delle persone favorendo l’integrazione sociale.

Il Comune darà indicazioni rispetto alle situazioni più critiche. Il progetto rientra nell’ambito del servizio civile.

Il secondo bando “Cambio Rotta” è invece diretto al sostegno dei minori con problemi di devianza sociale ed è promosso dall’impresa sociale “Con i Bambini”. La richiesta di partnership, arrivata dall’Acs, Abruzzo Circuito Spettacolo, intende mettere mettere in campo un modello di prevenzione finalizzato alla riduzione di casi di criminalità minorile su tre territori delle regioni Abruzzo e Molise (Campobasso, Teramo e Pescara).

Il Bando Cambio Rotta è promosso nell’ambito del Fondo per il contrasto della povertà educativa minorile, e si propone di sostenere interventi socio-educativi rivolti a minori tra i 10 e 17 anni di età segnalati dall’Autorità giudiziaria minorile e già in carico agli Uffici di servizio sociale per i minorenni  o ai servizi sociali territoriali, in particolare per reati di gruppo, oppure in uscita da procedimenti penali o amministrativi.

I destinatari indiretti dell’iniziativa sono le Comunità educanti rappresentate dalle famiglie, dai quartieri ritenuti più sensibili al rischio devianza e agli Istituti scolastici. L’intento è quello di creare un network con enti pubblici, educativi, di ricerca, associazioni culturali e terzo settore.

Diverse già le adesioni al progetto, tra queste si segnalano:

  • CEIS – Centro di Solidarietà Onlus (ente responsabile/capofila) – Pescara;

  • Fondazione Caritas Onlus dell’Arcidiocesi Pescara-Penne – Pescara;
  • Caritas Diocesana Teramo-Atri – Teramo;
  • Caritas Diocesana Campobasso – Boiano/Trivento;
  • Cooperativa Ausiliatrice – Montesilvano;
  • Associazione ACS Abruzzo Circuito Spettacolo -Teramo;
  • Fondazione Molise Cultura – Campobasso;
  • Associazione SALE – Sviluppo Ambiente Lavoro Etica – Pescara;
  • Istituto di Istruzione Superiore “Di Poppa- Rozzi” – Teramo;
  • IIS Alessandrini – Marino –Teramo;
  • Istituto d’Istruzione Superiore Delfico – Montauti – Teramo;
  • Istituti scolastici – Campobasso;
  • Istituti scolastici – Pescara;
  • Comune di Campobasso;
  • Comune di Pescara;
  • Regione Abruzzo;
  • Regione Molise;
  • USSM di competenza Abruzzo – Molise;
  • Università degli studi “G. d’Annunzio” Chieti – Pescara;
  • Garante dei diritti dei detenuti Regione Abruzzo;
  • Garante per i minori e gli adolescenti, per le persone private della libertà personale e della difesa civica – Regione Molise.
  • In tema di bandi per il sociale è stata prorogata all’8 giugno la data ultima di presentazione delle domande al progetto “Agorà Abruzzo-Spazio Incluso”, che si pone l’obiettivo di contrastare il fenomeno della povertà e dell’esclusione sociale.

Read Previous

Vincenzo Mennucci è il nuovo Segretario Generale della CISL FP Abruzzo Molise

Read Next

Spiagge libere in Abruzzo, Marsilio riapre ma con limitazioni: ecco l’ordinanza