Coronavirus, da Abruzzo progetto tracciamento contagiati “Pandemos” geolocalizza precedenti spostamenti persone tramite Sim

(PESCARA – Arriva dall’Abruzzo il progetto  “Pandemos” elaborato da Perfexia di Carsoli (L’Aquila) che consiste nell’implementare una piattaforma software in grado di localizzare e tracciare (mediante l’utilizzo della sim telefonica) tutti gli spostamenti e gli eventuali contatti tenuti da persone risultate positive al Covid-19, andando a ritroso nel tempo, e di rendere disponibili in real time le informazioni agli operatori di una sala operativa, gestita dalla Pubblica amministrazione in ottemperanza a tutte le norme di sicurezza e privacy.

“L’idea di questa soluzione – afferma il fondatore della società società leader nel settore dell’information technology e Big Data Analytics, Danilo Lucangeli – fu da noi presentata già a febbraio alla Protezione Civile quando ancora nessuno al mondo aveva pensato di tracciare i contagiati da coronavirus. Il progetto basato su una potentissima tecnologia utilizzate per i sistemi di intelligence consente anche la rintracciabilità dei contagiati andando indietro nel tempo e geolocalizzare tutti gli spostamenti individuando possibili persone che possano essere state contagiate”.

“Le autorità – spiega Lucangeli – con tale sistema potrebbero disporre di un cruscotto con il quale verificare se la persona contagiata (identificata in modalità ‘anonima’ attraverso il numero di telefono) possa aver contagiato anche prima della sua accertata positività al Covid 19 altre persone”. (ANSA)

Read Previous

Rifondazione Comunista a sostegno dello sciopero del commercio: lavoratori non sono carne da macello

Read Next

Decreto Cura Italia, 600 euro anche per i professionisti e autonomi iscritti alle casse: c’è emendamento Governo