PREMIO DI VENANZO, ESPOSIMETRO D’ORO A FRANCESCA AMITRANO

Va all’autrice della fotografia Francesca Amitrano l’Esposimetro d’Oro per un film italiano: la giuria del 23° Premio Di Venanzo, guidata dal presidente Stefano Masi, ha premiato il suo lavoro per Ammore e Malavita diretto dai Manetti Bros, i fratelli Antonio e Marco Manetti.

Questa la motivazione della giuria: <Per aver saputo dominare con perfetta misura ed equilibrio una tavolozza di colori ferocemente pop nel film “Ammore e Malavita” dei Manetti Bros>.

Francesca Amitrano sarà ovviamente tra i protagonisti della cerimonia di premiazione che si svolgerà a Teramo il prossimo 13 ottobre quando salirà sul palco del teatro Comunale per ricevere l’Esposimetro d’Oro.

Francesca Amitrano, nata a Napoli il 1° gennaio 1979, si appassiona da bambina alla fotografia. Poi la sua curiosità viene attratta dai documentari e nel 2003 segue un corso propeduetico di documentario promosso dalla Regione Campania e da Zelig, tenuto da Leonardo Di Costanzo, e dirige il documentario Ho licenziato mio padre, sulle conseguenze della dismissione dell’Italsider di Bagnoli. L’anno successivo supera la selezione per il Centro sperimentale di cinematografia di Roma, sezione fotografia diretta da Giuseppe Rotunno. Si diploma nel 2007. Nello stesso anno, è stagista sul set del film di Matteo Garrone Gomorra e studia alla Budapest Cinematography Masterclass con Vilmos Zsigmond. Dal 2009 lavora come direttore della fotografia freelance.

Nel 2012 diventa membro ordinario di A.I.C./Imago, Associazione italiana della fotografia cinematografica.

Tiene un Master di cinema e televisione presso l’università Suor Orsola Benincasa di Napoli (2017-2018) e un corso di tecniche di ripresa per il cinema presso l’Accademia di belle arti di Napoli.

Nel 2018 viene candidata ai Nastri d’argento per il film dei Manetti Bros. Ammore e malavita. E’ la prima donna a ricevere una nomination ai Nastri d’Argento per la sezione miglior fotografia. <Quest’anno – ha detto la Amitrano in un’intervista rilasciata al sito www.mastercinematv.it lo scorso mese di gennaio – per la prima volta una donna è stata candidata agli Oscar per la fotografia, Rachel Morrison per Mudbound. Questa, secondo me, è ancora di più una notizia che ci fa capire come in realtà non ci sia tanta distanza tra l’Italia e l’America…sono davvero poche le donne che fanno questo mestiere…Penso che l’avvento del cinema digitale sia corrisposto all’avvento delle donne sul set in ruoli di maggiore responsabilità>.

Francesca Amitrano lavora ormai stabilmente con i fratelli Manetti: è lei infatti l’autrice delle immagini del film dei Manetti Bros Song e Napule, ma anche della serie Tv dell’Ispettore Coliandro, sempre diretta dai fratelli Manetti.

AMMORE E MALAVITA è una commedia musical del 2017

Regia: Manetti Bros; Fotografia: Francesca Amitrano; Sceneggiatura: Michelangelo La Neve, Manetti Bros; Produttore: Manetti Bros; Casa di produzione: Rai Cinema, Madeleine Film, Mompracem Srl. Interpreti: Giampaolo Morelli, Serena Rossi, Carlo Buccirosso, Claudia Gerini, Raiz,

Trama

Don Vincenzo Strozzalone è un boss della camorra, soprannominato “il re del pesce”. Dopo essersi salvato da un attentato, si rende conto di essere stanco di condurre questa vita. Sotto consiglio di Donna Maria, la moglie cinefila, si finge morto come fa James Bond in un film. Ma il suo segreto, condiviso con i fedeli Ciro e Rosario, ha le gambe corte. Fatima, una giovane infermiera di Scampia, si trova nel posto sbagliato al momento sbagliato, e Don Vincenzo ordina di eliminarla. Ciro e Rosario sono in ospedale alla ricerca della ragazza che casualmente incrocia Ciro e lo riconosce come il suo primo grande amore. Ciro non può quindi ucciderla e fugge con lei. Per proteggerla la nasconde a casa dello zio che vive di contrabbando ma Don Vincenzo e Donna Maria, convinti che Ciro sia in realtà complice della cosca rivale, quindi un traditore, faranno di tutto pur di eliminare lui e la ragazza.

FILMOGRAFIA

Lungometraggi

Cortometraggi

Videoclip

  • Tu m’accire dei Foja, regìa Chiara Grassi e Simone Veneroso (2011)
  • Il cielo capovolto di Marasma, regia Manetti Bros (2016)
  • Duri da battere di Nek-Pezzali-Renga, regìa Manetti Bros (2017)

Televisione

 

Read Previous

BELLANTE, AL VIA SABATO IL MOLINO GREEN FESTIVAL

Read Next

“DIAMOCI UNA SCOSSA”: ARCHITETTI E INGEGNERI IN PIAZZA PER LA PREVENZIONE SISMICA