FOTO e VIDEO | Teramo, caso bustoni neri: il Comune interviene a San Nicolò dopo segnalazione facebook. Maranella: I veri maleducati però stanno in centro

TERAMO – Da una denuncia su facebook di un cittadino e del Comitato di Quartiere San Nicolò a Tordino scatta il controllo del Comune. La vicenda è relativa alle buste nere abbandonate nei pressi di piazza Progresso. Questo il post su facebook che evidenzia lo scarso interesse dell’amministrazione comunale per le zone periferiche e frazionali della città:  “Sono ormai settimane che queste buste sono in pieno centro, quello che dovrebbe( se ci fosse un controllo) essere una zona pedonale! Tra Piazza Progresso e Piazza San Francesco! Ma tanto, vista la Villa e Teramo centro, tutto a posto! Vero? Gianguido D’Alberto Lanfranco Lancione, e salutateci l’assessore Valdo di Bonaventura, che qui non si degna mai di venire, pur lavorando 12 ore al giorno con la sua vettura!“.

Stamane sul posto si è poi presentato il Vigile Ecologico Vincenzo Calvarese, unico deputato al controllo per l’apertura dei sacchi. Sulla vicenda però abbiamo intervistato l’assessore Martina Maranella, aggiungendo che al di là della situazione di degrado da dover controllare, da parte dell’amministrazione è evidente il perdurare della maleducazione di talune persone che si ostinano a non fare la differenziata. Se la Team non raccoglie i bustoni neri è perché sono non conformi: l’immondizia lasciata aveva impresso il bollino di errato conferimento. Il gestore non è tenuto a ritirarlo se non è il Comune a richiederlo.

“Quando il gestore mette il bollino, il cittadino che ha sceso il rifiuto, dovrebbe risalirlo per smistarlo correttamente”, dice la Maranella.

Arriveranno delle multe? “Il reato legato all’abbandono dei rifiuti è personale, non collettivo. Se si individuano almeno 3 indizi riconducibili alla persona, scattano le sanzioni”.

Da dire che c’è stato un aumento del ritiro dei mastelli in questi giorni, quindi diversi cittadini stanno recependo il modus operandi del corretto conferimento. Chi conferisce meglio? In proporzione i cittadini dei quartieri periferici e delle frazioni. La zona del centro è più problematica. L’amministrazione starebbe pensando di eliminare i cestini.

 

Read Previous

Teramo, Master dell’Università: si parla di Ombrina mare, TAP e discarica di Bussi

Read Next

Turismo, interpellanza di Pepe sui ritardi della legge di sostegno alle imprese del settore