GUARDIA COSTIERA, SEQUESTRATI 44 QUINTALI DI PESCE ILLEGALE DURANTE CONTROLLI IN ABRUZZO E MOLISE

PESCARA – Elevate 60 sanzioni per un totale di 124mila euro, sequestrati circa 44 quintali di prodotto ittico illegale nell’ambito dei circa 500 controlli in mare, nei punti di sbarco, nei mercati, nella grande distribuzione, in 43 ristoranti e 53 pescherie di Abruzzo e Molise: sono i numeri dell’operazione “Confine illegale”, avviata a novembre dalla Direzione Marittima di Pescara nell’ambito di controlli della Guardia Costiera in tutta Italia. Le violazioni principali hanno riguardato la mancanza di etichettatura o documenti attestanti la tracciabilità del prodotto, ma anche carenze nell’applicazione del pacchetto igiene e Haccp, oltre che la frode in commercio. In particolare nel Teramano, su mezza tonnellata di prodotto sequestrato, è stato sottratto alla vendita illegale un quintale di pescespada non dichiarato nei documenti di pesca e quindi non tracciabile. Rilevante la scoperta fatta a Casalbordino (Chieti) dove sono stati sequestrati 1.640 kg di molluschi. (ANSA)

Read Previous

ATLETICA VOMANO, BABBO NATALE ABBRACCIA I PARTECIPANTI DEL CENTRO DANZA DI PAGLIARE

Read Next

SERIE C, IL BUON NATALE DEL TERAMO SI CHIAMA VITTORIA (2-0 ALLA TRIESTINA)