Il Presidente ARAP Savini: il consigliere Blasioli (PD) chieda scusa. Bandi e concorsi trasparenti

PESCARA – “Le ultime dichiarazioni del consigliere regionale del PD Antonio Blasioli circa la poca visibilità dei bandi e concorsi pubblicati sul sito dell’Ente mi lasciano alquanto basito oltre che dispiaciuto”. A dichiararlo è il Presidente dell’Azienda Regionale Attività Produttive della Regione Abruzzo Giuseppe Savini che specifica come “la struttura organizzativa dell’Arap e l’attuale Consiglio di Amministrazione hanno fatto del tema della trasparenza un elemento fondamentale di priorità assoluta. Quindi fare dichiarazioni che rischiano di ledere agli occhi dei cittadini e delle istituzioni l’ottimo lavoro svolto fino ad oggi dagli uomini e le donne dell’ARAP è dannoso non solo per l’immagine dell’Azienda, ma anche della stessa Regione Abruzzo che il consigliere Blasioli rappresenta attraverso il suo ruolo.

“Senza dilungarmi sul caso specifico, (al consigliere Blasioli sarebbe bastato scorrere la Home page per trovare il link diretto alla sezione bandi e concorsi del sito dell’ente) – continua Savini – l’occasione è gradita per invitare tutti i consiglieri e gli assessori regionali a voler far visita presso la sede dell’Arap, al fine di toccare con mano tutto ciò che per la trasparenza è stato fatto non solo sulle pubblicazioni on line ma a tutti i livelli, e per godere del meraviglioso panorama della gestione dell’ARAP,  una gestione declinata all’impronta della correttezza e della legalità. Spero – conclude il Presidente Savini – che il consigliere Blasioli chieda scusa alla struttura amministrativa dell’Ente che presiedo con la stessa rilevanza mediatica con la quale ha emesso la precedente dichiarazione, nello spirito di collaborazione e correttezza che deve contraddistinguere il rapporto tra Enti e parte politica, e tra enti e cittadino”.

Read Previous

Ruzzo Reti, il servizio idrico integrato in Commissione Vigilanza della Regione Abruzzo

Read Next

Giulianova, disinfestazione contro le zanzare. Il calendario