Breaking News :

“Nel lavoro donne libere dalla violenza”, al via a Teramo la campagna contro la violenza nei luoghi di lavoro

TERAMO – “Nel lavoro donne libere dalla violenza” è lo slogan con cui la Consigliera di Parità della Provincia di Teramo Monica Brandiferri lancia la campagna di sensibilizzazione a tutela delle vittime di violenza sui luoghi di lavoro.

Si tratta di una tematica molto delicata che non coinvolge soltanto il mondo del cinema, come ci rappresentano spesso i mass media, ma riguarda la realtà quotidiana con notevoli conseguenze a livello di parità di genere nei luoghi di lavoro.

“Con questa campagna – afferma la Consigliera di Parità della Provincia di Teramo Monica Brandiferri – si vuole favorire un cambio di mentalità per quanto riguarda la piaga della violenza e delle discriminazioni sui luoghi di lavoro, che riguarda prima di tutto le donne, le quali sono vittime di condotte deplorevoli che consistono in avances, ricatti, battute, pacche sul sedere, baci rubati, richieste esplicite di prestazioni sessuali per avere un lavoro, per mantenere il posto o per fare carriera. Va evidenziato che le donne non denunciano e non segnalano le violenze subite per paura di perdere il lavoro a tal punto che esse preferiscono cambiare volontariamente  lavoro o rinunciare a fare carriera. Da qui il messaggio forte ma significativo che vogliamo portare all’attenzione: il silenzio può uccidere mentre denunciare può salvare”.

“Inoltre attraverso questa campagna di sensibilizzazione – continua la Brandiferri – ci si pone l’obiettivo di far conoscere l’Ufficio della Consigliera di Parità della Provincia di Teramo, che opera gratuitamente su tutto il territorio provinciale a tutela di coloro che subiscono violenze o discriminazioni sui luoghi di lavoro, consistenti in mobbing, stalking, molestie sessuali e verbali, licenziamenti e sicurezza nei luoghi di lavoro”.

Read Previous

FOTO | Teramo: gli studenti dell’istituto “Falcone-Borsellino” visitano la Questura

Read Next

Ampliamento discarica Santa Lucia di Atri: altri 90 giorni per attendere la VIA