Aeroporto Pescara sede del tavolo tecnico degli scali di Abruzzo, Marche e Umbria

Si è svolto ieri a Roma presso il Ministero dei Beni Culturali, la riunione dei tre Aeroporti delle regioni terremotate Abruzzo, Umbria e Marche, richiesta dal Presidente della Saga Enrico Paolini, coordinatore dei tre Aeroporti del centro Italia.

All’incontro, presieduto dal sottosegretario ai Beni Culturali Gianluca Vacca, erano presenti oltre al coordinatore e Presidente della Saga Enrico Paolini, il direttore dell’Aeroporto di Perugia Umberto Solimeno, per Ancona Carmine Bassetti, le tre Regioni Abruzzo, Umbria e Marche, il Presidente della Regione Abruzzo Marco Marsilio, il dirigente dell’ENAC Silvia Ceccarelli, il dirigente del Ministero dei Trasporti ed il dott. Martone in rappresentanza del Capo di Gabinetto senatore Vito Crimi, commissario per la ricostruzione

Dopo l’introduzione dell’ Onorevole Vacca, il coordinatore dei tre Aeroporti Enrico Paolini ha illustrato il lavoro finora svolto dal coordinamento dei tre Aeroporti e le proposte ipotizzate per il “Rilancio economico e turistico” delle tre regioni terremotate e dei tre Aeroporti stessi.

Dopo aver riscontrato un grande consenso delle proposte, è stato deciso di istituire un “tavolo tecnico” presso l’Aeroporto d’Abruzzo (coordinatore dei tre scali), nell’ambito del quale stendere un dettagliato progetto di finanziamento delle azioni proposte al commissario, senatore Crimi.

Il tavolo tecnico, di cui fanno parte gli Aeroporti di Abruzzo, Umbria e Marche, le tre rispettive Regioni, il Ministero dei Trasporti e delle Infrastrutture e l’Enac, godrà della supervisione e del supporto del sottosegretario di governo on. Gianluca Vacca.

La prima riunione del tavolo tecnico, sarà convocata dal presidente Saga Enrico Paolini di concerto con il presidente della Regione Marco Marsilio, già nelle prossime settimane.

Read Previous

Campli, dal 27 al 30 giugno torna a La Traversa di Campli la X Rassegna dei prodotti tipici e delle fregnacce

Read Next

VIDEO | Teramo, quartiere di Santa Maria a Bitetto tra degrado e difficoltà