Pineto, il candidato sindaco Passamonti a Verrocchio: i danni a Villa Ardente sono una precisa responsabilità dell’amministrazione uscente

PINETO – “L’amministrazione comunale di Pineto ha ottenuto un finanziamento di 950 mila euro che non ha saputo spendere per mancanza di progettualità, per mancanza di una visione strategica su come affrontare le problematiche della città”, ad affermarlo sono il candidato sindaco della lista Sicuramente Pineto, Paolo Passamonti, e il candidato consigliere Mimmo Ruggiero, alla luce delle dichiarazioni rilasciate dal primo cittadino di Pineto, Robert Verrocchio, circa l’emergenza erosione di Villa Ardente. “È evidente che, dopo l’ultima mareggiata di questi giorni, il sindaco uscente si è sentito tirare in ballo nel dibattito elettorale al punto di dover cercare sponde in soggetti terzi che certamente non condividono le azioni intraprese sino ad oggi – continuano i due – L’amministrazione si trincera dietro il pretesto della mancanza di fondi nonostante sia chiaro a tutti che una gran parte siano stati sperperati per il ‘ripascimento morbido’. Verrocchio – sottolineano Passamonti e Ruggiero – irride i cittadini e cambia le carte in tavola, addossando le proprie responsabilità e inadempienze agli organi sovracomunali e omettendo di raccontare che negli ultimi anni hanno amministrato con il favore del Governo centrale, regionale e provinciale. L’inerzia di Verrocchio ha compromesso tutta la costa pinetese, con ricadute disastrose sull’intera economia. Per noi della lista Sicuramente Pineto è vitale – concludono – difendere le spiagge che per anni hanno rappresentano il mare per molti cittadini pinetesi e turisti, e che costituiscono, senza dubbio, uno dei maggiori fattori che alimentano l’appeal del nostro territorio. Quindi, un’emergenza non solo ambientale, ma anche sociale ed economica”.

Read Previous

Silvi, due giornate di raccolta alimentare dei Lions

Read Next

Comunali Torano Nuovo, la candidata sindaco Ruffini su dibattito faccia a faccia: “Sinceramente non comprendo lo stupore di Anna Ciammariconi”