Legge elettorale, bocciato il quesito referendario della Lega. Marcozzi: “Si scusino con l’Abruzzo”

La pronuncia della Consulta arrivata quest’oggi conferma quanto avevamo ampiamente pronosticato: il quesito referendario proposto dalla Lega per modificare la legge elettorale nazionale è irricevibile e viene definito ‘eccessivamente manipolativo’. Ciò significa che i rappresentanti leghisti di otto consigli regionali, tra cui anche quello dell’Abruzzo, non solo hanno piegato le istituzioni in nome della propaganda di Salvini, ma lo hanno anche fatto senza essere in grado di scrivere un documento accettabile. Siamo davanti al trionfo del pressapochismo e dell’incapacità istituzionale”.

Ad affermarlo è il Capogruppo M5S in Regione Abruzzo Sara Marcozzi, commentando la decisione della Corte Costituzionale che si è pronunciata decretando l’inammissibilità del quesito referendario promosso dalla Lega a seguito dell’approvazione del testo da parte di otto Consigli regionali d’Itala. “Abbiamo ripetuto per giorni, sia in Commissione che in Consiglio regionale, che quanto proposto dai leghisti, cioè l’abrogazione della parte proporzionale della legge elettorale nazionale, fosse irricevibile. I Consiglieri regionali della Lega, in particolar modo i delegati del Consiglio per la presentazione del quesito referendario Montepara e Angelosante, non sono mai stati in grado di fornire risposte concrete, basate su sentenze o precedenti giuridici, alle nostre domande, evidenziando un profondo imbarazzo per l’intera durata della discussione. Evidentemente si sono trovati costretti a obbedire ai diktat arrivati da Roma e da Pontida, difendendo l’indifendibile”.

Ora che è arrivata la pronuncia ed è stata ufficializzata l’inammissibilità del quesito – conclude Marcozzi – invito gli esponenti della Lega ad assumersi le proprie responsabilità, mettendo da parte la propaganda ed evitando di trovare nemici o di additare la Corte Costituzionale di colpe che, evidentemente, non ha. Non siamo di fronte a nessun tipo di complotto, ma a un pronunciamento, basato sulla nostra Carta Costituzionale, che deve essere rispettato. Le uniche persone che devono rispondere agli italiani e agli abruzzesi del loro comportamento irresponsabile, sono gli stessi esponenti politici della Lega che hanno prima scritto e poi difeso un testo palesemente sbagliato, causando gravi danni economici alle casse anche della nostra Regione, costretta a perdere giorni di lavoro per affrontare la questione. Ricordo alla maggioranza di centro destra che gli abruzzesi chiedono alla Giunta non di intervenire sulla legge elettorale nazionale, ma sulla sanità, sul trasporto pubblico, sul lavoro, su una visione di sviluppo economico per i prossimi decenni del nostro territorio. Tutte cose che, in questo fallimentare primo anno di governo regionale targato Marsilio, non si sono viste”.

Read Previous

Disabilità, grazie al “Progetto Plus” e a 15 sportelli di accoglienza 80 persone avranno l’opportunità di lavorare

Read Next

Legge elettorale, il Referendum non si terrà: per la Consulta è “inammissibile”