Calcio, tutti col fiato sospeso in attesa del parere dell’Anticorruzione

TERAMO – Il “Gaetano Bonolis” è un bene che tra 18 anni tornerà ad essere di proprietà dell’amministrazione comunale, gestito, dagli albori risalenti al 2008, dalla società Cantagalli Appalti e che, nel’interregno di una gestione futura ancora da definire, dovrebbe essere gestito da terzi.

Quando? Pare che entro il corrente mese di Maggio l’Anticorruzione istituita dal Governo Renzi nel 2012, semplicemente una Commissione indipendente per la valutazione, la trasparenza e l’integrità della Amministrazioni Pubbliche, dovrà dare una risposta sul passaggio di consegne alla società Soleia, o meglio, questo è quel che trapela dalle stanze comunali.

Così fosse, starebbe per trovare risposta il primo dei punti interrogativi posti in essere da Franco Iachini, circa il futuro calcistico con lui al vertice: nel mentre il presidente, su quell’impianto, ha già speso diverse centinaia di migliaia di euro per il rifacimento del manto erboso, dando per scontato, evidentemente, che la voltura da… a…, sarebbe stata una semplice formalità.

In effetti, ma evidentemente a posteriori, l’Ente Comune deve aver ravvisato qualcosa da dover verificare e da qui l’interrogativo, o gli interrogativi, posti all’Anac. Quali siano non è dato sapere; magari saranno motivazioni contraddistinte dall’eccessiva cautela, chissà…

Certo è che nessuno ha voglia di ipotizzare le conseguenze, che avrebbero valenza nazionale, qualora così non fosse…

Read Previous

Teramo, Giovanni Befacchia nuovo Presidente della Commissione Ambiente: Carginari sarà vice presidente

Read Next

Teramo, con Giuseppe Stampone nasce la “mascherina d’artista”: sarà donata ai 360 ospiti delle quattro Case di riposo della ASP 1