Gli Sharks chiudono la regular season casalinga con l’ennesima vittoria ( zero sconfitte nel girone di ritorno ), e con una giornata dal termine ( ultima gara a Bologna sabato prossimo ) agguantato al momento il sesto posto in classifica. La vittoria arriva dopo 40′ di battaglia, partita decisa solamente nel finale, con Ferrara che ha abdicato negli ultimi secondi. Una gara pazzesca quella vissuta al PalaMaggetti, dove gli Sharks hanno condotto per tutta la seconda parte, facendosi acciuffare da una triplissima di Zampini prima e Swann per il sorpasso poi , con Rodriguez e Akele che hanno chiuso poi dalla lunetta. Ferrara non demerita affatto, ma paga poca lucidità negli ultimi possessi, oltre ovviamente le assenze di Panni e Cambell. Per i biancazzurri ottima la gara di Pierich, 18 punti con 6 rimbalzi e 5 assist, 14 a testa per Akele e Person, 11 per Sherrod  e Rodriguez, dall’altra parte super prova di Swann con 38 punti, 18 Molinaro e 6 per il rientrante Zampini.

D’Arcangeli ( senza Nikolic ) parte con Rodriguez, Person, Penè, Akele e Sherrod, Leka risponde con Liberati, Swann, Calò, Ganeto e Molinaro: Ferrara inizia un po’ compassata, mentre Akele e Person allungano subito sul 10-0. Si accende Swann ( 13 il primo periodo ), che guida la rimonta dei locali, i quali si portano sul meno due al 5′. Rodriguez e Sherrod provano ad allungare, ma Molinaro prima e Zampini poi regalano il vantaggio alla fine dei primi dieci minuti agli estensi, 19-20.
Il ritmo non si abbassa, e Ferrara continua a segnare da fuori con Swann e Molinaro. Roseto impatta con il solito Pierich ( da cineteca alcuni assist verso i compagni ), ma ancora la premiata ditta Swann-Molinaro accelera fino al +1 al 17′, 34-35. Prima dell’intervallo, capitan Pierich si mette in proprio e firma il +3, Mazzoleni fa chiudere avanti la Bondi per il 40-41.

Ad inizio terzo quarto I ferraresi ripartono meglio, e tornano avanti con le triple di Liberati e Swann: Pierich con una tripla sblocca i suoi per il controsorpasso, anche se cominciano i problemi di falli per coach D’Arcangeli. Al 25° il tabellone recita 52-49 dopo un layup di Sherrod, Eboua fa tremare il PalaMaggetti con un schiacciatona clamorosa, Molinaro risponde della stessa moneta dall’altra, ancora Pierich da 7 metri, e sempre Eboua si riporta il canestro a casa con la seconda schiacciata di fila; Roseto scappa sul 61-53, ma la Bondi non molla e con Liberati e Swann si riporta sul meno 5 a fine periodo, 63-58.

Gli ultimi dieci minuti sono incandescenti data l’alta posta in palio, con Ferrara che in caso di vittoria riaccenderebbe i sogni playoffs: la Cimorosi non segna per tre minuti abbondanti, il solito Swann impatta sul 63-63. Il pubblico di casa incita, Roseto piazza un controbreak di 7-0 con Pierich e Person, 70-63 al 35°, potrebbe essere il colpo del k.o., ma gli estensi sono lì, ancora aggrappati alla gara grazie alle folate offensive di Mazzoleni. Roseto sbaglia in attacco, Zampini con una tripla sigla la parità sul 70-70 a tre minuti, è finale in volata. Rodriguez mette i liberi del +2, Swann e Sherrod si equivalgono per il 74-72, ma ancora Isaiah Swann con una tripla pazzesca per il +1 Ferrara. Roseto ha in Akele un gladiatore, il classe ’95 pesca 2 punti in un groviglio di mani, dall’altra parte la Bondi sbaglia e a un minuto dalla fine Rodriguez ancora dalla lunetta firma il +3, 78-75. Molinaro fa 1/2 ai liberi, Sherrod perde palla in attacco ma Mazzoleni fa sempre 1/2 dalla linea della carità per il 78-77 a 17 secondi. Ferrara ovviamente fa fallo su Rodriguez, l’italo-dominicano non trema dalla lunetta, 80-77. Ferrara ha il tiro del pareggio, ma Swann questa volta sbaglia e Akele la chiude definitivamente. 82-77 finale.

Prossimo turno Sabato 20 Aprile, ultima gara di campionato prima dell’inizio dei playoffs, gli Sharks saranno di scena al PalaDozza contro la Fortitudo Bologna.