Anpi Teramo: lettera aperta al signor Prefetto De Prisco su lapide fascista apposta in Atri

TERAMO – Lettera aperta al signor Prefetto della Provincia di Teramo dott. Angelo De Prisco

Con la presente mi permetto di segnalare alla S.V.I. un fatto di una gravità inaudita.

Il sindaco e la giunta di Atri hanno apposto sul muro della chiostra del palazzo di città, già sede ducale degli Acquaviva, una lapide di stampo fascista, che hanno riesumato dopo oltre 70 anni dagli scantinati minicipali.

Il 18 novembre 1935 il Duce obbligò i Comuni d’Italia ad apporre tale manufatto sui muri dei palazzi pubblici, a seguito dell’enbargo che i popoli liberi d’Europa, antifascisti ed antinazisti, avevano deciso per condannare la politica di aggressione coloniale messa in atto del regime mussoliniano.

Italia democratica, nata dalla Resistenza e dalla Lotta di Liberazione, ne dispose la rimozione per il suo contenuto apologetico e perchè reca ai suoi lati i fasci littori.

Mi appello alla Sua sensibilità democratica affinchè ordini la immediata e definitiva rimozione della lapide, che ha creato turbamento e rabbia tra i cittadini di Atri e offende la coscienza della stragrande maggioranza del popolo italiano – Antonio Franchi, Presidente ANPI della Provincia di Teramo

 

Read Previous

VIDEO | Nereto Calcio, Leonardo Bitetto si presenta: “Cercherò di dare subito la mia idea di calcio”

Read Next

Il “Di Poppa-Rozzi” di Teramo in visita al Santuario della Madonna dello Splendore

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: