FOTO e VIDEO | Teramo, la Fonte della Noce restituita alla città

TERAMO – Un monumento dimenticato, riportato alla luce grazie alla volontà di un gruppo di volontari dell’ArcheoClub PETRUT di Teramo. La Fonte della Noce nel parco Fluviale è stata restituita alla città in tutto il suo splendore, con un evento apposito ed una rievocazione storica con danze e musiche rinascimentali (a memoria della visita della Regina Giovanna d’Aragona a Teramo nel 1514). Tanti i teramani presenti.

Il programma ha vissuto diversi momenti, tra i quali un passaggio sugli interventi finora realizzati contornato da uno spettacolo di musica e di danza rinascimentali a cura di Ars Antiqua e Venus, oltre all’allestimento di un accampamento rinascimentale a cura di Leoni Degli Acquaviva. Per l’occasione, poi, Carmine di Giandomenico ha realizzato un’opera artistica a tema, che verrà messa all’asta per utilizzare il ricavato per futuri interventi sul monumento. Allestito dall’ArcheoClub Petrut Teramo, anche un banchetto della Libreria Tempo Libero, il cui ricavato andrà a finanziare l’attività associativa. L’evento è terminato con una degustazione del Montepulciano d’Abruzzo del Consorzio di Tutela Colline Teramane, curato dalla Fisar Teramo.

Soddisfatti il Presidente Rosario Papili e l’Assessore Valdo Di Bonaventura, che hanno previsto di allestire un sistema di videosorveglianza

Read Previous

Moda, nasce ad Alba Adriatica la Nuova Accademia di Moda Italiana per il Sud nel settore pelletteria

Read Next

24° Premio Di Venanzo, grande festa del Cinema: consegnati gli Esposimetri d’oro