Basket B, Civitanova permettendo l’Etomilu non può fermarsi sul più bello

Andare a giocarsi un derby fuori casa contro la terza forza del campionato (Pescara), senza ben due giocatori (Cardellini e Azzaro), perderne un altro in corso d’opera (Angelucci), averne uno gravato di 4 falli (Ricci) per buona parte del secondo tempo, trovarsi ad un certo punto della gara anche a -22… e poi vincere, contro tutto e contro tutti. Beh, questo è sinonimo di grande squadra, di dodici giocatori e di uno staff tecnico, passateci il termine, con gli “attributi”! Siamo ad un passo dai play-off e tutto dipende da noi. Due partite alla fine della regular season da vincere per conquistare quello che ad inizio stagione era un sogno e che partita dopo partita sta prendendo forma. Entrare tra le migliori 8 sarebbe il giusto coronamento di una stagione “magica”. Una stagione iniziata con uno staff tecnico nuovo e con un roster tra i più giovani, con tanta ambizione e sogni che pian piano si sono cementati in un gruppo granitico che ha saputo andare oltre le difficoltà, oltre i tantissimi infortuni che hanno minato  un cammino comunque di altissimo livello. Per dare un senso a tutto ciò rimangono ancora 80’… due partite per respingere l’assalto delle inseguitrici, Nardò in primis, e conquistare un posto al sole. La prima della serie è contro Civitanova, formazione dal roster importante e vogliosa di dimenticare gli ultimi passi falsi che l’hanno portata a retrocedere in classifica. Alla guida tecnica dei marchigiani c’è l’ex Campli Piero Millina, uno degli allenatori più quotati e di esperienza di tutta la serie B. Ai suoi ordini è stato allestito un roster che ha come punti di forza il veterano Francesco Amoroso e l’ala piccola Riccardo Coviello, giocatori che stanno viaggiando con medie abbondantemente superiori alla doppia cifra. L’ex Giulianova Andreani, garantisce ai suoi esperienza e talento in un reparto esterni che ha tra i suoi interpreti anche l’ex Campli Federico Burini. Nel reparto lunghi lo staff tecnico dovrà però fare a meno di uno dei suoi uomini migliori: Attilio Pierini, out per infortunio dallo scorso febbraio. In casa Giulianova coach Ciocca ha lavorato in settimana per tenere alta la concentrazione del gruppo in vista di una partita che, data la posta in palio, non sarà delle più agevoli, con la consapevolezza però che è giunto il momento dello sprint finale verso i play-off… ora o mai più!  “Abbiamo sempre dato il massimo… abbiamo spinto molto durante tutto l’anno per arrivare fino a questo punto  – ha dichiarato Simon Zollo –  ora dobbiamo solo pensare a dare il massimo in queste due partite contro Civitanova ed Ancona e cercare di raggiungere questo grande obiettivo che sono i play off… un risultato molto importante per noi” – Ufficio Stampa
Appuntamento con la palla a due, domenica 14 aprile alle ore 18:00, sul parquet della PalaCastrum di Giulianova (TE); arbitrano i sigg. Giuseppe Vastarella di Napoli (NA) e Marcello Manco di San Giorgio a Cremano (NA)

Read Previous

Eccidio Cartecchio, gli antifascisti: non passi inosservato il sacrificio dei giovani partigiani

Read Next

Tratta Giulianova-Roma, D’Annuntiis: “Paolucci ha perso una buona occasione per tacere”