Crognaleto, le celebrazioni per la chiesa della Madonna della Tibia elevata a Santuario

CROGNALETO – Si sono svolte ieri, venerdì 9 agosto, le celebrazioni per la chiesa della Madonna della Tibia elevata a Santuario, nel suo quattrocentesimo anniversario, da S.E. Mons. Lorenzo Leuzzi
Alle 16:00  si è tenuta la presentazione del volume “Il Santuario della Madonna della Tibia” realizzato da Federico Roggero e Francesca Petrella presso la Sala Consiliare “B.Di Fortunato” a Nerito.
Alle 18:00 presso la piazza adiacente la Chiesa di S. Caterina, a Crognaleto, si è svolta la Santa Messa celebrata da S.E. Mons.Lorenzo Leuzzi seguita da un rinfresco per i presenti organizzato dalla Pro Loco di Crognaleto.
Alle 21:00 la rituale e suggestiva fiaccolata, partecipata all’incirca da 500 fedeli, verso il Santuario della Madonna della Tibia con la successiva benedizione del Vicario Foraneo Don Giovanni Rinaldi.
La storia ci ricorda che dal 1619 viene riconosciuta un’indulgenza di cento giorni l’anno al pellegrino che effettua una visita alla chiesa il giorno del 9 agosto.
Entusiasta per il riconoscimento del Santuario di SS Maria della Tibia il presidente della Pro Loco, Paolo Quaranta:  “Ringraziamo S.E. Mons. Lorenzo Leuzzi per l’importante riconoscimento fortemente desiderato da tutta la comunità.
Altresì vogliamo ringraziare tutte le persone per gli attestati di stima ricevuti e per l’essersi unite a noi in questo importante momento che non riguarda solo la nostra frazione, ma tutto il comune di Crognaleto e la provincia di Teramo.  Il Santuario della Madonna della Tibia diventerà il punto di riferimento per i fedeli del nostro territorio e per l’anno prossimo abbiamo già in programma di organizzare diverse iniziative per valorizzarlo ancora di più”.

 

(foto di Sara Di Filippo)

Read Previous

VIDEO | Montorio, Guizzetti e Citerei, proiettati già alle prossime elezioni, pronti a presentare mozione di sfiducia: “Vediamo se qualcuno bluffa…”

Read Next

Balneazione in Abruzzo, Mauro Febbo: “Valori buoni e ottimi dagli ultimi prelievi Arta consultabili da Smartphone”