Isola del Gran Sasso come Montorio, PD ad un bivio chiede chiarezza e un confronto tra i due candidati a Sindaco

ISOLA DEL GRAN SASSO – Il Circolo del Partito Democratico di Isola del Gran Sasso, a fronte delle notizie confuse e distorte che vengono diffuse nel nostro paese, intende offrire alla cittadinanza tutta ed alle forze politiche del territorio:
CHIAREZZA!
I partiti politici e i movimenti civici, ovvero Partito Democratico, Italia Viva, Movimento 5 Stelle, Crescita Comune, Sinistra Democratica per Isola, Movimento Civico Gran Sasso 2020 per Fiore Di Giacinto, impegnati al fine di perseguire una coalizione allargata, capace di dare al nostro Comune un’ amministrazione autorevole e laboriosa, sono entrati in contenzioso per la designazione alla carica di sindaco. Sia Andrea Ianni, leader dei gruppi Crescita Comune, Movimento 5 Stelle e Sinistra Democratica per Isola, che Fiore Di Giacinto leader di Movimento Civico Gran Sasso 2020, rivendicano con forza la designazione a tale carica.
Il Partito Democratico, pur consapevole delle capacità in pectore di importanti figure del proprio partito per tale ruolo, ha ritenuto saggio soprassedere, invitando le altre forze politiche a trovare un accordo. Tutti i tentativi messi in atto fino ad ora per trovare un punto d’incontro ed una sintesi sono risultati vani. Legittime ma non del tutto condivisibili le motivazioni addotte dalle due compagini. Infatti ritenevamo che lo strumento delle primarie in una situazione del genere potesse consentire ed agevolare l’unione di tutte le forze alternative all’attuale amministrazione, dando un’oggettiva individuazione del candidato sindaco, senza avere in mente la possibilità di “inciuci” o non coerenti contaminazioni le quali, da sempre, sono estranee alla cultura ed alla storia del Partito Democratico. D’altro canto, riteniamo che anche un’assunzione di responsabilità ed un dialogo politico-programmatico fondato sul bene del paese, avesse potuto portare ad un compromesso ed un accordo che invece non si è voluto agevolare, rimanendo tutti sulle proprie posizioni.
È ORA IL TEMPO DI DECIDERE E DI SCEGLIERE

Consapevoli del fatto che, inevitabilmente, con l’effettuazione di una scelta si perde qualcosa, ma ciò che sicuramente non saremo disposti a perdere è il concetto di “comunità”. Perché non esiste politica che possa funzionare se non è rappresentativa di una massa. Unità, perché nemmeno i nostri elettori sopportano più le divisioni. Umiltà, perché la presunzione non piace a nessuno. Empatia, perché se non si è capace di sentire cosa provano gli altri, gli altri non ti ascolteranno nemmeno. Identità, perché se non hai un piano valoriale definito e percepito, sei una melassa indistinta e gli elettori cercheranno la concretezza altrove. Apertura, perché i partiti oggi godono di poca fiducia e c’è l’esigenza oggettiva di aprire un campo in cui ci si possa confrontare con le forze esterne. Il Partito che immaginiamo per Isola è un partito al servizio della coalizione, un nuovo centrosinistra aperto al civismo. Abbiamo tutti bisogno di un forte Pd, dentro un forte e largo centrosinistra. Sulla base di questo nuovo rapporto, e quindi prendendo le mosse dai risultati raggiunti e dai ritardi accumulati dalle esperienze di governo isolano succedutesi in questi ultimi anni, il Partito Democratico intende delineare alcune proposte per le azioni future che saranno la base programmatica di confronto con i candidati a sindaco per addivenire ad una convergenza unitaria o, in ultima ipotesi, effettuare le nostre scelte consapevoli che la frantumazione delle forze democratiche potrà aumentare la possibilità di sconfitta delle stesse.

Per queste motivazioni invitiamo i due candidati sindaci dell’area progressista isolana ad un CONFRONTO con il Partito Democratico, i suoi iscritti, i suoi simpatizzanti, nel quale esprimere le proprie idee in ordine a temi ritenuti da noi fondamentali per lo sviluppo economico e sociale di Isola quali la Ricostruzione, la programmazione inerente la Strategia delle Aree Interne, Welfare e Sanità, valorizzazione turistica e culturale, Partecipazione, governo del paese, Istruzione ed offerta formativa e tanto altro. La coalizione costruita con la condivisione di queste ed altre strategie, con le migliori risorse umane che il Partito Democratico intende eleggere in Consiglio Comunale, più unita e più garante, potrà offrire così finalmente un buon governo ad Isola, dopo i tanti danni, i ritardi e l’immobilismo subito dal nostro paese!

Read Previous

La Comunità del Parco ha designato i propri membri nel Consiglio

Read Next

Teramo, i consiglieri comunali della Lega chiedono una rotatoria a San Nicolò