Il Parco Nazionale del Gran Sasso  e Monti della Laga ha approvato il bilancio consuntivo 2018 in  una seduta nella quale sono state poste le basi per un dialogo  costruttivo tra le parti interessate. Lo rende noto Daniele  D’Angelo, consigliere comunale dell’Aquila con delega alla  Montagna, che ha preso parte alla seduta alla riunione. “Sono  state assunte determinazioni molto importanti – spiega in una  nota – Ho fatto presente la necessità di aprire un colloquio per  la gestione della montagna tra Parco, Amministrazioni comunali
di riferimento e cittadini”.
“Insieme al presidente della Comunità del Parco, Fabio  Santavicca, e al direttore, Alfonso Calzolaio, si è trovato un  accordo di dialogo e apertura tra l’ente e le amministrazioni in  questione. E’ un dato positivo perché finalmente il Parco può  essere visto come opportunità e non solo come vincolo. Su mia  proposta – prosegue D’Angelo – si è deciso di inserire in  bilancio lavori da effettuare nei vari territori ricadenti nei  confini dell’area protetta, che potranno essere finanziati con  l’avanzo di amministrazione che è emerso dallo strumento
finanziario approvato”.
Indicate anche “di comune accordo, le priorità delle azioni  da compiere: rispetto dei periodi di monticazione (ossia del trasferimento delle greggi sui pascoli in quota), convivenza tra le prerogative del Parco in materia di rispetto ambientale e sviluppo turistico, riduzione dei danni prodotti dagli animali selvatici, realizzazione della sentieristica montana e iniziative per fronteggiare lo spopolamento delle aree montane”.
Oltre alla concretezza degli argomenti trattati e all’intesa di incontri periodici, “la mia soddisfazione per l’andamento della riunione è motivata anche dalla folta presenza di sindaci e amministratori interessati, il che ci fa sperare in ottimi risultati” conclude D’Angelo. (ANSA).