Ali D’Oro, Roberta Di Sante per “I promessi coni”

TERAMO – Prosegue il nuovo progetto ideato dall’azienda Ali d’Oro dal titolo: “I promessi coni. Dieci storie di amori travagliati e finiti in dolcezza”.
Il volume, edito dalla Duende di Paolo Ruggieri e Paola Vagnozzi e curato dalla giornalista Antonella Gaita, racchiude dieci racconti firmati da giornalisti e scrittori: Mattia Albani, Luigi Colagreco, Sara De Santis, Adele Di Feliciantonio, Loredana Di Giampaolo, Nicola Di Paolantonio, Roberta Di Sante, Daniela Facciolini, Davide Francioni, Paolo Marinucci.
Il ricavato dell’iniziativa sarà interamente devoluto alla Fondazione Anffas Onlus di Teramo (Associazione nazionale famiglie di persone con disabilità intellettiva e/o relazionale).
Il titolo dell’antologia di quest’anno vuole essere un omaggio ai Promessi Sposi di Alessandro Manzoni, il romanzo più famoso e più letto tra quelli in lingua italiana, e un invito ad affrontare il tema – presente nella letteratura di ogni tempo e di ogni paese – dell’amore che, pur osteggiato dagli uomini e dal destino, approda a un finale lieto.
A metà dicembre si terrà la prima presentazione ufficiale dell’antologia, moderata dal giornalista Rino Orsatti.
Il terzo racconto è quello di Roberta Di Sante: “Il chioschetto sul lago”.
Roberta Di Sante nasce a Giulianova il 24 maggio 1984. Giornalista per tv e carta stampata, è iscritta all’ordine professionale dal 2010. Collabora attivamente dal 2007 con il quotidiano «Il Centro», per cui si occupa di cronaca, attualità e sport, e dal 2016 con l’emittente regionale TvSei. Precedentemente ha collaborato con l’emittente regionale Rete8 ed è stata responsabile ufficio stampa per le case editrici Zikkurat International Business e Artemia Edizioni, e per la società sportiva Atletica Vomano.
On line il racconto di Mattia Albani: “Amarena chic” e di Sara De Santis: “Geometria amorosa. Di coni, rette e altri incidenti…”.

Read Previous

19^ torneo di calcio a 5 “Città di Teramo”, conclusa la fase a gironi

Read Next

Alba Adriatica, chiusura per 15 giorni della nota discoteca “Il Gattopardo”