È UN TERAMO GIUSTAMENTE FISCHIATO E IN REGRESSO

Il pari col Gubbio va accettato, con lo stesso entusiasmo di Imola, nel senso che anche gli ospiti, come i romagnoli, avrebbero meritato di più, essendo apparsi una squadra che, in campo, sapeva cosa fare e come farlo.

Magari gli umbri tecnicamente vantano pochi calciatori importantissimi (Campagnacci, Marchi e Casiraghi su tutti), ma che nel complesso non abbiano mai dato l’impressione di meritare la sconfitta, giocandosi la partita più dei padroni di casa, è un fatto. Anche sullo 0-0.

Perché tutto questo?

Difficile dare risposte certe, ma che il Teramo sia stato bellino e sfortunato a Bolzano, un po’ meno e poco fortunato anche contro la Sambenedettese, e che ad Imola come contro il Gubbio i due pareggi siano stati frutto di due prestazioni in graduale calando, è inoppugnabile.

E allora qualche campanello di allarme, si accende, anche alla luce delle due trasferte che si profilano a Salò e a Rimini.

Se trattasi di allarme ingiustificato, lo si vedrà presto, e se così fosse, allora bisognerà valutare quanto Proietti e Spighi siano determinanti in questa squadra (e torna di moda il duro manto del Bonolis…) o quanto incida il continuo tourbillon di cambi di formazione da parte di Giovanni Zichella, anche in partita e anche ieri.

Inutile dire che i più avrebbero tenuto in formazione, dopo metà gara, più Di Renzo, al centro dell’attacco, che Piccioni; inutile dire che se bisogna fare ricorso sempre a una miriade di cambi, sempre, allora due mesi e oltre di preparazione, mista a qualche amichevole, hanno detto poco o niente, oppure che quelle 7-8 scelte obbligate che ogni formazione vanta dalla serie A in giù, per il mister sono relative.

Un esempio?

Bacio Terracino, che a Imola era in panchina ma che pur non essendo in gran forma, è in grado di tirare fuori l’asso dalla manica, com’è stato col Gubbio.

D’altronde se lo stesso Campitelli, a venti giorni dall’inizio del campionato, dichiara che così non si andrà avanti a lungo, qualche timore ce l’ha anche lui, che negli ultimi due anni, da quest’ angolazione, non s’è fatto mancare proprio nulla…

Read Previous

TERAMO, “LETTERA AI GIOVANI” DI OTTOBRE 2018 DEL VESCOVO LORENZO LEUZZI

Read Next

VIADOTTI A25 E A24, ASSOCIAZIONI: SITUAZIONE INACCETTABILE, MINISTERO CON ENTI PUBBLICI VERIFICHI SICUREZZA