Betafence, la solidarietà della Cpo che appoggia Sindacati ed Istituzioni

Un altro fulmine a ciel sereno si è abbattuto sul comparto occupazionale della provincia di Teramo. Mercoledì scorso la proprietà della Betafence, la multinazionale che produce reti e recinzioni metalliche, ha comunicato la chiusura all’inizio del prossimo anno del sito
industriale di Tortoreto.
La notizia ha suscitato sgomento e tensione atteso che sono a rischio ben 155 posti di lavoro. Grande solidarietà e vicinanza alle lavoratrici e ai lavoratori viene espressa dalla Consigliera di parità della Provincia di Teramo, Monica Brandiferri, che si associa alla richiesta di Sindacati e Istituzioni di portare il prima possibile la vertenza Betafence sul tavolo del MISE, tanto che questa mattina ha preso parte al sit-in organizzato dal coordinamento provinciale di Fratelli d’Italia presso il presidio dei lavoratori dell’azienda.
E’innegabile – afferma la Consigliera di Parità Brandiferri – che la scelta della Betafence produrrebbe ripercussioni negative sul piano socio economico in grado di aggravare una situazione occupazionale già difficile e pesante. Il disagio che stanno vivendo i lavoratori e le lavoratrici è notevole, le famiglie sono distrutte e temono per un futuro incerto, non si comprendono le ragioni della cessazione produttiva atteso che l’azienda, grazie ai sacrifici dei lavoratori, ha sempre prodotto utili, addirittura 20 milioni negli ultimi 5 anni. Anziché pagare il premio di risultato contrattato per lavoratrici e lavoratori, la proprietà ha pensato bene di chiudere i battenti. Ciò è davvero inconcepibile e viene a ledere la dignità umana che si estrinseca anche attraverso il diritto al lavoro.
Come Consigliera di Parità della Provincia di Teramo manifesto totale disponibilità per intraprendere qualsiasi intervento o manifestazione a tutela dei lavoratori e delle lavoratrici e nello stesso chiedo un intervento concreto da parte delle Istituzioni competenti per scongiurare la chiusura del sito aziendale di Tortoreto, fiore all’occhiello del tessuto produttivo del nostro territorio”.

Read Previous

Spiagge libere, Blasioli: protocollo Covid non rispettato

Read Next

Giulianova, Commissione Sanità su emergenza Covid: intensificare prevenzione e sollecitare interventi Regione