Macelleria e pescheria del Mercato Coperto destinati ad un progetto culturale per giovani

TERAMO – Un innovativo progetto di interesse culturale che coinvolge il mondo giovanile, approvato nell’agosto 2019 dalla giunta municipale su indirizzo dell’assessore Sara Falini, è stato approvato e sarà quindi finanziato da parte di Anci e Presidenza del Consiglio dei Ministri.

Si tratta del Progetto “Space”, realizzato attraverso un accordo di partenariato con diversi Enti.

Il programma è nato da una iniziativa dell’ANCI che ha avviato, tramite la messa a disposizione di specifiche risorse, una procedura volta a supportare le amministrazioni locali nella prosecuzione e sviluppo o nell’avvio, di iniziative di innovazione sociale giovanile.

L’assessore Sara Falini dichiara: “Il Comune di Teramo ha così scelto di rafforzare l’esperienza Space, progetto già predisposto dal Comune di Ascoli Piceno; l’idea vede i giovani nel ruolo di protagonisti attivi dell’ideazione e costruzione di interventi sul territorio: dalla riappropriazione e riutilizzo degli spazi alla definizione di servizi assenti o non più adeguati ai loro bisogni attuali. La finalità è di sviluppare il turismo di scoperta della città e realizzare interventi culturali in grado di valorizzare le peculiarità e le specialità del territorio facendo leva sulla creatività di giovani under 35.”

L’Amministrazione comunale ha quindi individuato l’immobile da destinare all’idea, indicando la rigenerazione e attivazione culturale nei locali hanno ospitato a suo tempo la macelleria e la pescheria siti all’interno del Mercato Coperto di Piazza Verdi.

Conclude l’assessore Andrea Core: “La finalità è di rifunzionalizzare alcune porzioni del mercato da adibire a sede di un centro sperimentale dei linguaggi artistici contemporanei, trasformandolo così in incubatore di modelli di condivisione, espressione artistica, partecipazione e produzione. È evidente che l’allestimento potrebbe generare occupazione lavorativa per il target anagrafico di riferimento, consentendone la visibilità artistico/creativa. Altro effetto positivo è dato dal fatto che il coinvolgimento delle comunità locali comporterebbe effetti benefici in termini di inclusione, partecipazione attiva nella programmazione culturale e nelle attività di allestimento del centro, potendo così diversificare l’offerta culturale cittadina attraverso attività socio-culturali in luoghi non tradizionali.”

Il valore complessivo del progetto ammonta a  309.000 euro.

Read Previous

App Immuni, mercoledì al via la fase sperimentale in Abruzzo

Read Next

Fase 2, Treu: Cnel sede neutrale per costruire patto sociale