AMBIENTE, 935 REATI ACCERTATI, 10 ARRESTI E 795 DENUNCE DEI CARABINIERI TUTELA FORESTALE

 “Ci piace perseguire i reati, ma  ancor di più prevenirli, soprattutto in una regione come  l’Abruzzo dalla grande valenza ambientale, ma fragile e sotto  attacco, come dimostrano i 935 reati accertati, i 10 arresti e  le 797 denunce”.
Così il comandante della Regione Carabinieri Forestali  Abruzzo e Molise, generale di brigata Giampiero Costantini,  nell’illustrare all’Aquila l’attività operativa svolta nel corso  del 2018 dai Carabinieri per la Tutela Forestale.
L’evento si è svolto alla presenza degli alunni delle scuola  primaria ‘Torretta’ dell’Aquila, a cui è stato donato il calendario 2018 Cites, dedicato alla cooperazione internazionale  dedita al contrasto di traffico illecito di animali protetti.
Presenti il comandante del reparto Biodiversità di Isernia,  colonnello Federico Padovano, il comandante del reparto Parco
Gran Sasso Monti della Laga, tenente colonnello Carlo Consoli,  il comandante del Nucleo di Campobasso, colonnello Luca  Brugnola.
Nel 2018 sono stati effettuati oltre 100 mila controlli, con  935 reati accertati con 10 arresti e 797 denunce. Sono stati
effettuati 211 sequestri, scoperti 3.639 illeciti  amministrativi, che hanno portato a oltre 2,5 milioni di euro di  sanzioni. In tutta Italia le sanzioni sono state, per fare un  confronto, circa 29 milioni di euro. Numeri considerati  “notevoli” dal comandante Costantini, alla luce anche della
transizione rappresentata dalla fusione del corpo Forestale con  quello dei Carabinieri. “Siamo due treni in corsa – ha detto il  comandante – e dobbiamo continuare la corsa per raggiungere  l’obiettivo di unirci su un unico binario. Non è operazione  semplice, ci sono caratteristiche che nei due corpi si sono  sedimentate in tanti anni di storia”. Il comandante ha poi fatto  osservare, che “il numero dei reati accertati è più o meno in
linea con quello del 2017, ma sono sensibilmente aumentati i  controlli, il che induce a leggerli con ottimismo, come un dato
positivo”. I 10 arresti, ha specificato il comandante  Costantini, “hanno riguardato altre tipologie di reato, come  detenzione e spaccio di droga, che sono emerse nell’ambito delle  nostre indagini”.  Tra le azioni di particolare rilievo, Costantini ha citato  “l’intensa attività di indagine relativa ai fatti avvenuti a  seguito della valanga di Rigopiano, il 18 gennaio 2017. Ci  stiamo occupando, con le nostre capacità tecniche,  all’accertamento della situazione strutturale dei cavalcavia  ricadenti nei tratti autostradali A24 e A25, nell’ambito delle  indagini delegate dalla Procura della Repubblica di Pescara”.
(ANSA).

Read Previous

INFLUENZA, NUOVO BRUSCO AUMENTO: IN OLTRE 725.000 A LETTO

Read Next

ELEZIONI E AGRICOLTURA, APPELLO AI 4 CANDIDATI PRESIDENTI: COLDIRETTI PRESENTA IL MANIFESTO POLITICO SUL CIBO