FOTO | Premio Letterario, i vincitori della XI edizione del “Città di Cologna Spiaggia”

ROSETO DEGLI ABRUZZI – Domenica 27 settembre, nella soleggiata cornice del Palazzo del Mare di Roseto degli Abruzzi, nel rispetto delle prescrizioni anti contagio e con un numero limitato di partecipanti, si è svolta la premiazione dei vincitori della 11° edizione del premio letterario “Città di Cologna Spiaggia”, a cura dell’associazione culturale “Il Faro”, che ha visto la partecipazioni di poeti e scrittori provenienti da tutte le regioni d’Italia ed anche dall’estero. Quest’anno l’associazione ha proposto una manifestazione sobria, dove i veri protagonisti sono stati i componimenti poetici e narrativi degli autori vincitori. Dopo l’apertura, affidata alla giornalista Azzurra Marcozzi, presentatrice del premio, i saluti del vice sindaco Simone Tacchetti, della presidente de “Il Faro” Irene Gallieni e del presidente onorario Mario De Bonis.

Anche quest’anno il premio ha potuto vantare una grande giuria di poeti e scrittori prestigiosi e pluripremiati: il presidente di giuria, il poeta, narratore e saggista Dante Marianacci di Pescara, il poeta Vittorio Verducci di Notaresco, la poetessa Elisabetta Freddi di Senigallia, la poetessa Fulvia Marconi di Ancona, la poetessa Loriana Lucciarini, la poetessa scrittrice Sara Palladini di Giulianova, la professoressa di lettere Addolorata Digiallorenzo, la poetessa Sonia Giovannetti, la professoressa Santina Rampa, lo scrittore e libero pensatore Willy Piccini di Trieste, la poetessa e scrittrice Elena Malta di Pescara, la poetessa Patrizia Stefanelli di Itri, la scrittrice Lorena Marcelli di Roseto, la scrittrice e giornalista internazionale Francesca Mereu, lo scrittore giornalista critico letterario Paolo Montanari di Pesaro e lo scrittore Carlo Barbarossa.

A salire sul podio per la sezione Poesia in Metrica l’autore Gianni Bianchi di Cesena con la poesia “Dirò di te”, al secondo posto un ex aequo con “Il vento e l’uragano” della poetessa Silvia Cozzi di Monterotondo e “Vorrei averti ancora” del poeta Vinicio Ciafrè. Terzo posto per Miryam Mantegazza di Milano con la poesia “Conchiglia”. Ad aggiudicarsi il primo premio nella sezione Poesia il Lingua Monia Casadei di Cesena con la poesia “Vieni a cercarmi dentro una fessura”, al secondo posto Vittorio Di Ruocco di Montecagnano con “Il vento silenzioso della morte”,  al terzo posto Maria Grazia Franceschetti di Rovigo con “L’ultimo approdo” e al quarto Maria Michela Punzi di Ancona con “L’incanto”.

 Per la sezione Poesia in Dialetto al primo posto Pierpaolo Buzzacconi di Cerveteri Roma con la poesia “Nove e Novanta”, al secondo con “Na notte maledetta” il poeta Luciano Gentiletti di Rocca Priora e al terzo il poeta Vinicio Ciafrè con “E’ belle recurdà”.

Per la sezione Silloge Poetica si è classificato primo il poeta Raffaele Giannantonio di Sulmona con la silloge “Diciasette”, secondo Roberto Ragazzi di Trecenta con “Di luci e di ombre” e terzo Enrico Maria Marcelli di Martinsicuro con la silloge “Il verso libero li ha stanati tutti”.

Per la sezione Racconto Breve i premiati sono stati gli autori Paolo Pergolari di Castiglione del lago con il racconto “Orizzonti Verticali” al primo posto, Claudia Feroce di Trieste con “La rondine che migra” al secondo posto e Maria Adelaide Rubini di Roseto con “Appunti di cammino quotidiano”.

La sezione Racconto Storico ha visto premiati gli scrittori Ermanno Pierpaoli di Fano con il romanzo “Tuscia” al primo posto, Myriam Mantegazza di Milano con “Prova alchemica” al secondo posto, Lucio Sadon di Rocchetta a Volturno con il romanzo “Cuore di ragno” al terzo posto. Da segnalare tra i vincitori delle sillogi poetiche e di racconti e romanzi gli autori delle case editrici locali Di Felice Edizioni e Artemia Nova Editrice (comeEnzo Delle Monache con il romanzo “Quando un fiume muore” e Aneta Marika Szyszkowska con la silloge “Un angelo per caso”).

Tanti, anche quest’anno, i premi speciali, come la Rosa d’Argento, consegnata dal Comune di Rosetoalla autrice Angela Flori di Alatri per il miglior racconto a tema sociale, dal titolo “Thunder”; il Premio Teramo Nostra assegnato alla promettente giovane autrice di Teramo Aneta Marika Szyszkowska con la silloge “Un angelo per caso”; il Premio Poesia Breve assegnato a Claudia Mancinotti di Teramo con la poesia “Ellade”; il Premio Euterpe assegnato alla poetessa Maria Grazia Di Lisio di Teramo con “Passeggiata 1, Passeggiata 2, Passeggiata 3”; il Premio Arsenio Edizionialla poetessa Loretta Stefoni di Civitanova Marche con la poesia “La figlia del vento”; il Premio Speciale Giovani per la Poesia assegnato dall’Università degli Studi di Teramo al giovane autore di Giulianova Leonardo De Lauretis, con la poesia “Accade”; il Premio in ricordo del grande poeta Lucio Cancellieri è stato assegnato al poeta Gaetanino Polidori di Nereto con la poesia “Er cambiamento…”; il Premio Città di Notaresco ha visto vincere il poeta Gabriele Ireneo Recchia di Pianella con la poesia “La ramacce”; il Premio Provincia di Teramo assegnato all’autore Giovanni Di Girolamo di Bellante per la silloge “Buon compleanno… e di tant’altro”; il Premio Speciale Giovanni per la Narrativa, che ha visto trionfare il giovane autore Emanuele Rizzi di Cuneo per il racconto “L’orologio a cucù”, con un riconoscimento assegnato dall’Università di Teramo; il Premio Presidente Onorario vinto dall’autore Gabriele Andreani di Pesaro con il racconto “L’infanzia del cuore”.

Non sono mancati, naturalmente, i grandi ospiti del mondo della cultura, che sono stati omaggiati con importanti riconoscimenti. Tra questi il Premio alla Carriera che quest’anno è stato consegnato al poeta Daniele Cavicchia. Nato nel 1948 a Montesilvano (Pescara), dove risiede, Cavicchia ha pubblicato numerose raccolte poetiche. Ha collaborato a “L’Informatore librario”, a “Il Messaggero” e diretto due riviste letterarie. È segretario organizzatore del premio di saggistica “Città delle rose” e ha curato il premio “Ovidio” e il Festival Internazionale di poesia “Moto Perpetuo” di Pescocostanzo. Sue poesie sono state tradotte in inglese, ungherese, giapponese, ebraico, russo e tedesco.

Insignito, invece, con il Premio per il Miglior Poeta Straniero il poeta di origine palestinese Ashraf Fayadh, autore della silloge poetica “Epicrisi”, edita da Di Felice Edizioni.

Ashraf Fayadh è un poeta, regista, fotografo, pittore e curatore di mostre di origini palestinesi nato in Arabia Saudita il 15 luglio del 1980. È uno degli artisti di spicco ad Abha, la città in cui ha vissuto. Ha persino partecipato alla Biennale di Venezia, rappresentando l’Arabia Saudita. Nell’estate del 2014, Fayadh è stato processato in Arabia Saudita per la sua raccolta di poesie (che da allora è stata ritirata dalla circolazione) Le istruzioni sono all’interno, che commenta le questioni sociali nel mondo arabo, l’esilio, l’amore, la situazione dei profughi. I tribunali sauditi lo hanno condannato a morte per il reato di apostasia e per la diffusione di idee blasfeme contro la religione e il profeta, ma dopo una grande campagna internazionale a suo sostegno e molta solidarietà da parte dell’opinione pubblica le autorità hanno commutato la pena a 8 anni di reclusione e 800 frustate. Fayadh sta scontando la pena in prigione nella città di Abha e sta ricevendo le frustate a più riprese. Epicrisi è la seconda raccolta del poeta. Il premio è stato ritirato dalla editrice Valeria Di Felice.

Read Previous

Giro d’Italia, sui fondi per la viabilità D’Annuntiis replica con i numeri a Pepe

Read Next

Recovery Fund, Corneli: “Possono cambiare la storia dell’Abruzzo”