Breaking News :

Piazze

“Nella piazza c’è il muretto dei vecchi che guardano passare la gioventù; lui è seduto in fila con loro. I desideri sono già ricordi.” (Italo Calvino – Le città invisibili).

Cosa è una piazza? Ce lo ricorda il dizionario Treccani: “Area libera, più o meno spaziosa, di forma quadrata, rettangolare, circolare, poligonale, che si apre in un tessuto urbano, al termine di una strada e più spesso all’incrocio di più vie, e che, limitata da costruzioni, spesso architettonicamente importanti, e abbellita talvolta da giardini, monumenti, fontane, ha la funzione urbanistica di facilitare il movimento ed eventualmente la sosta dei veicoli, di dare accesso a edifici pubblici, di servire da luogo di ritrovo e di riunione dei cittadini, costituendo non di rado il centro della vita economica e politica della città o del paese.”

Quante piazze ha Teramo?

A leggere la toponomastica, di piazze, ce ne sono tante; a voler osservare la destinazione, in particolare quella di “luogo di ritrovo o di riunione dei cittadini” e/o “centro della vita economica e politica della città”, il numero cala drasticamente.

Prendiamo Piazza Garibaldi, ultimamente salita alla ribalta delle cronache cittadine, e non solo, per la proposta di installazione artistica sulla struttura dell’ipogeo: in realtà è una rotatoria circondata da fermate di bus, perchè sono decine d’anni che lo spazio non ha funzione di piazza ma di semplice svincolo stradale. Da quanto è stata inventata l’automobile, infatti, lo spazio ha sempre avuto un ruolo di crocevia viario, e mai quello tipo dell’agorà greca o del foro romano, fatta eccezione, forse, per le serate del 1982 e del 2006, quando l’Italia vinse i mondiali di calcio, e la “rotonda Garibaldi” diventò il punto di aggregazione dei tifosi con tanto di bagno nella fontana che, all’epoca, abbelliva la rotatoria.

Oppure Piazza Dante, da anni destinata a parcheggio, visto che, nonostante la realizzazione del parcheggio interrato, e le buone intenzioni di pedonalizzazione, ultimamente riproposte ma avversate come il male assoluto da una parte di cittadini, lo spazio è dedicato esclusivamente alla sosta, a pagamento, di autoveicoli.

Stessa sorte è dedicata a Piazza Martiri Pennesi, Piazza Giuseppe Verdi (la piazza del mercato coperto), Piazza del Carmine, Largo Madonna delle Grazie (perlomeno non denominato Piazza), mentre Piazza San Francesco è solo un’autostazione per bus.

Di spazi con una identificazione vera e propria di piazza rimangono Piazza Martiri della Libertà, Piazza Sant’Agostino e Piazza Sant’Anna, seppure con una loro diversa identità e con diverse potenzialità.

In periferia non va meglio: solo San Nicolò ha uno spazio che si può definire “luogo di incontro” – Piazza Progresso – mentre la pomposa Piazza Italia di fronte l’Ospedale non è altro che un megaparcheggio, e sempre parcheggi sono Piazza Aldo Moro e Piazza Donatori di Sangue, nella zona “Stazione”.

Quindi, al di là di ricordi di meravigliose fontane zampillanti e fiere agricole di metà 1900, forse, faremmo bene a chiedere di restituire a parti di città il loro ruolo di luoghi di incontro dei cittadini, attrezzando questi luoghi con idoneo arredo urbano e, perchè no, dove possibile, con alberi e zone verdi, creando vere piazze nelle frazioni, nei quartieri di periferia, all’interno del centro storico. Oppure si abbia il coraggio di chiamare i luoghi per quel che sono: rotonda Garibaldi, parcheggio Dante Alighieri, Autostazione San Francesco, parcheggio del Carmine, parcheggio Madonna delle Grazie, ecc., evidenziando, anche a livello toponomastico, che dalle nostre parte, di piazze, non se ne ha bisogno.

Ma una città senza piazze, senza luoghi per la gente, è una città che ha paura di sè; una città destinata a diventare un complesso di strade, di rotonde, di parcheggi, che si priva della bellezza di ammirare se stessa; una città senza cuore e senza identità.

Da notare, al contrario, che i centri commerciali riproducono lo schema tipico delle città di qualche decennio fa: vie e piazze pedonali sulle quali affacciano esercizi commerciali.

Risultato: i centri commerciali sono diventati i nuovi centri di aggregazione; le nostre città si svuotano.

Quindi? Fatevele due domande, e magari troverete pure le risposte.

Raffaele Di Marcello

Read Previous

Mauro Nardella nominato Presidente Nazionale dei probiviri dell’International Police Association

Read Next

Cattivi odori Stam, Colonnella Cambia chiede un monitoraggio dell’aria e un tavolo tecnico