Don Aniello Manganiello a Giulianova: due gli appuntamenti al Crocetti e al Circolo Il nome della Rosa

GIULIANOVA – Don Aniello Manganiello a Giulianova. Due gli appuntantimenti: Lunedì 3 febbraio alle ore 09:30 presso ISS Crocetti-Cerulli Giulianova con le classi dell’Istituto e presso il Circolo Virtuoso Il nome della Rosa

Don Aniello Manganiello è un prete guanelliano, ma soprattutto un uomo al servizio della gente. Un prete di strada, che cammina al fianco degli ultimi.

Nasce a Faibano di Camposano il 14 febbraio del 1954 da una famiglia molto povera. Giovanissimo sceglie di studiare in seminario a Roma presso l’Opera Don Guanella.

Il suo libro “Gesù è più forte della camorra”. Un libro che è stato rieditato da Europa Edizioni nel 2018.

Nel 2012 ha fondato ULTIMI, Associazione per la legalità e contro le mafie che conta 19 Presidi in tutta Italia di cui ci racconta nella nuova edizione del libro biografico sopra citato, che ha scritto in collaborazione con Andrea Manzi, anche Presidente di ULTIMI.

Don Aniello, per tanti amici anche solo Aniello, è un uomo del “fare”. Da ovunque gli arrivino richieste di aiuto lui è presente e concretamente risolve problemi, spesso economici, di gente in difficoltà.

È stato parroco di Santa Maria della Provvidenza a Napoli dal 1994 per sedici anni; un uomo di opere, che ha dato tanto agli abitanti di Scampia, e che ancora oggi lo rimpiangono.

Don Aniello Manganiello infatti nel 2010 viene trasferito a Roma nel quartiere Trionfale, allontanato da Napoli dove comunque rimane Presidente dell’Associazione Sportiva Dilettantistica Oratorio Don Guanella che fondò insieme ad alcuni giovani nel 1996.

Con questa associazione sportiva ha impegnato tantissimi bambini e ragazzi togliendo così manovalanza alla camorra, organizzazione che ha combattuto e che combatte dal primo giorno in cui ha messo piede a Scampia.

Read Previous

Calcio C, dall’Agnonese il Teramo ingaggia il 19enne terzino Salim Diakite

Read Next

Sindacato. La Cisl e la Cisl FP AbruzzoMolise rispondono a Giorgi, “I numeri smentiscono le accuse”