Unite, Summer School nella tenuta Masciarelli

TERAMO – Nei vigneti delle Tenute Masciarelli al Castello di Semivicoli di San Martino sulla Marrucina (CH), dal 1° al 5 luglio prossimi gli studenti del Corso di laurea in Viticoltura ed enologia dell’Università di Teramo parteciperanno alla Summer School di Viticoltura.

«Il percorso formativo ‒ spiega Michele Pisante, docente di Agronomia e coltivazioni erbacee dell’Università di Teramo, coordinatore dell’iniziativa ‒ è pianificato su metodica di tipo actio-learning, che consente un orientamento all’ancoraggio dell’apprendimento e al raggiungimento di risultati efficaci, con la finalità di potenziare le competenze tecnico-scientifiche di agronomia, fisiologia, difesa dalle avversità biotiche e viticoltura di precisione, compresa la conoscenza dell’approccio tecnico e deterministico su base spazio-temporale da impiegarsi nel contesto produttivo/di servizio».

«L’offerta formativa – ha precisato Pisante ‒ è stata progettata per colmare il disallineamento temporale del manifesto degli studi rispetto alla fase di sviluppo vegeto produttivo della vite, ma anche per corrispondere alla risoluzione 563-2016 dell’OIV, l’Organizzazione Internazionale della Vigna e del Vino, sulle raccomandazioni per i programmi di formazione per enologi, con particolare riguardo alle evoluzioni del settore dell’ambito della viticoltura, relative al cambiamento climatico e ai requisiti della produzione sostenibile, per consentire all’enologo di partecipare alla progettazione, all’impianto e alla gestione agronomica del vigneto e di valutare la composizione del raccolto e la sua condizione sanitaria».

In questa prima edizione le lezioni applicative in vigneto saranno svolte da docenti delle Università di Campobasso, Foggia, Perugia e Teramo e da ricercatori del CREA, Consiglio per la ricerca in agricoltura e l’analisi dell’economia agraria, e di IBF Servizi Agricoltura di Precisione SpA.

La Summer school è cofinanziata dalle Tenute Masciarelli e da IBF Servizi Agricoltura di Precisione SpA e si avvale, inoltre, del patrocinio dell’Accademia Italiana della Vite e del Vino e dell’Alto Patrocinio della Regione Abruzzo.

All’inaugurazione delle attività formative, l’introduzione di Michele Pisante sarà preceduta dagli interventi della padrona di casa Marina Cvetic e dell’assessore regionale all’agricoltura Emanuele Imprudente.

Read Previous

Campovalano, torna domenica l’ottava edizione di Solstizio Corale

Read Next

Basket B, il Teramo saluta Massimiliano Domizioli che aveva ulteriori due anni di contratto