MARTINSICURO, RIPRESI I TAGLI LUNGO SP 259: ABBATTUTI 6 TIGLI, SCOPPIA LA POLEMICA E IL SINDACO DIFFIDA L’ANAS

MARNTINSICURO – Ripresi i tagli degli alberi lungo il tratto della sp 259 di Villa Rosa, in via Risorgimento. A darne notizia il Comitato Riqualificazione via Risorgimento-Porta della Val Vibrata che in un post su facebook denuncia il tutto. A corredo immagini fotografiche. Il Comitato accusa l’Anas di avere ripreso l’abbattimento indiscriminato dei tigli. “Un atto gravissimo privo di qualsiasi rispetto civico ed istituzionale – scrivono quelli del Comitato – Questo il cantiere della ditta che lavora per l’Anas. Hanno tagliato altri 6 tigli. Da più di mezz’ora è stato chiesto l’intervento dei vigili per verificare la regolarità del cantiere ma ancora non si vede nessuno”. Il Comitato ha richiesto l’intervento del Sindaco Massimo Vagnoni

Aggiornamento taglio tigli ex S.P. 259 del Sindaco Massimo Vagnoni:
In tarda mattinata, dopo aver constatato sul posto l’avvenuto taglio di ulteriori tigli, abbiamo provveduto a mandare una diffida di sospensione dei lavori all’Anas e ad altri enti competenti interessando anche la sovrintendenza per i pareri del caso.
Io mi ritengo una persona seria e come tale mi aspetto che si prosegua sulla linea della concertazione che individui un percorso che preveda solo il taglio degli alberi effettivamente malati e non un generale disboscamento dell’area .
Nei prossimi giorni, a prescindere dalla sospensione dei lavori, riconvocheremo un tavolo per ragionare sul futuro di una tratto viario da ripensare globalmente.
Come ho avuto modo di dire nel corso del Consiglio Comunale aperto, confermo l’impegno massimo mio e dell’intera amministrazione comunale (maggioranza e minoranza) per trovare valide soluzioni migliorative della viabilità sulla ex S.P. 259 .
Vi terrò aggiornato passo passo sulle iniziative che intraprenderemo

 

Read Previous

REGIONALI, MERCOLEDÌ INAUGURAZIONE SEDE ELETTORALE DI MARISA DI PIETRO (AVANTI ABRUZZO) CON GIOVANNI LEGNINI

Read Next

TEATRO ROMANO, ORDINE ARCHITETTI: “SI’ A CONDIVISIONE CON CITTADINI, MA RISPETTO PER RUOLO E LAVORO PROGETTISTI”