Breaking News :

RICOSTRUZIONE, IL SINDACO-ISPETTORE TIBERII FOTOGRAFA L’USR: “SENZA ORGANIZZAZIONE E CON PROBLEMI STRUTTURALI. SERVE UN MANAGER”

TERAMO – “Un Ufficio senza alcuna organizzazione e con pesanti problemi strutturali“. E’ quanto si è trovato di fronte stamane il Primo cittadino di Colledara Manuele Tiberii, uno dei “Sindaci Ispettori” inviati dal Presidente  Regionale Vicario Giovanni Lolli a verificare proprio l’organizzazione dell’Ufficio Speciale per la Ricostruzione, a seguito dell’incontro in Provincia di venerdi’ del Comitato istituzionale per il Sisma (Lolli manda gli ispettori all’USR).

Stamane sono arrivati sul posto i tre ispettori, tra questi oltre al Sindaco di Colledara anche il collega di Pizzoli Giovannino Anastasio, per capire quali problemi si insinuino all’interno. Sono rimasti 4 ore ad osservare ed a studiare ai raggi x l’Ufficio.Abbiamo scoperto l’uovo di colombo, manca il personale – spiega Tiberii – e va individuato urgentemente, ma è la struttura in sè che va riorganizzata con un Manager ed una squadra di ingegneri“. Insomma, traduzione: l’USR così non va. Probabilmente era meglio giungere prima a questa conclusione e a non buttare mesi e mesi di tempo. “Dovevamo muoverci prima anche come sindaci. Quello che in realtà manca è un indirizzo politico a quell’ufficio, ci vuole qualcuno che muova le cose e non pensi da burocrate, non avendo il polso della situazione – continua Tiberii -.Ora vanno trovate soluzioni urgenti. Il primo cittadino di Colledara tornerà con il collega di Pizzoli tra mercoledi’ e giovedi nell’Ufficio. Venerdi’ si tornerà poi a sedersi sul tavolo del Comitato istituzionale in Provincia con Giovanni Lolli ed i Sindaci del territorio. Andranno effettuate delle scelte alla luce anche di quanto sarà relazionato da Tiberii: “Per il personale chiederemo aiuto alla Provincia e poi ai Comuni. Poi chiederemo la modifica della norma per lo snellimento delle pratiche per la ricostruzione leggera“.

Read Previous

VIDEO | GRAZIE AL CAMPIONE DEL MONDO 2018 WTCR GABRIELE TARQUINI

Read Next

LA RIVINCITA DEL BLOG SUI SOCIAL