Giulianova, il Cittadino Governante: un ringraziamento e un arrivederci a Fabio Di Dionisio

GIULIANOVA – L’Associazione di cultura politica Il Cittadino Governante ringrazia il consigliere Fabio Di Dionisio ed esprime gli auguri per la piena soluzione del problema familiare che ne ha causato le dimissioni.

“Noi tutti siamo dispiaciuti per la sua decisione di dimettersi dal consiglio comunale – si legge in una nota dell’Associazione – e vogliamo ringraziarlo per l’appassionante e arricchente lavoro svolto insieme nell’associazione e nell’assise civica. Lo ringraziamo per aver messo a disposizione il suo importante e stimolante bagaglio di valori, cultura e di esperienza in campo sociale ed educativo. Lo ha fatto in occasione della stesura del programma elettorale, e poi nel qualificato impegno profuso come consigliere comunale e come rappresentante della minoranza  nell’Unione dei Comuni ‘Le Terre del Sole’.”

“Condividiamo il pensiero critico dell’ing. Di Dionisio su una certa politica che si muove su vie diverse da quelle utili al pieno svolgimento della vita democratica e di una sana e proficua dialettica fra maggioranza e opposizione – prosegue la nota – D’altronde da oltre 15 anni il Cittadino Governante si batte per un modo nuovo di vivere l’impegno politico, per contribuire alla crescita civile, culturale e politica della società giuliese, ritenendo che una cittadinanza diffusamente consapevole, responsabile e attiva sia un valore in sé”.

“Grazie all’impegno di tanti cittadini – conclude il Cittadino Governante – a cominciare da Fabio Di Dionisio a cui va la nostra gratitudine per quanto fatto e per quanto vorrà fare in futuro con il suo contributo di idee, continueremo a lavorare per la crescita della cultura politica cittadina, per contribuire ad elevare il tono del dibattito pubblico e perché il buon governo si affermi a Giulianova”.

Read Previous

VIDEO | Ruzzo nel progetto Stream. Pochi i comuni che hanno separate acque bianche e nere. Cognitti su bilancio Ente: approvato con un milione di utili

Read Next

Calcio, FIGC: è stata studiata e più che ipotizzata la riforma dei campionati