FOTO e VIDEO | Momo vive, l’affetto di Teramo a Mohamed. Le lacrime di Said: “Ho chiesto aiuto ma non mi hanno creduto”

TERAMO – Il commosso omaggio di una città a Mohamed, il 14enne tragicamente scomparso in mare. Stamane il ritrovamento del corpo senza vita presso il porto di Giulianova e stasera il ricordo che gli amici hanno voluto portargli in piazza Martiri. Una coroncina di fiori con le dediche, tramite i post it, lasciate dagli amici e dai coetanei. C’era la madre Rashida ed anche il piccolo Said, il coetaneo che era con lui lunedì sul quel maledetto materassino. Said è riuscito a salvarsi, solo perché sapeva nuotare. Il ragazzo ha raccontato, nuovamente, in lacrime, di avere provato a chiedere aiuto ma di non essere stato creduto. In questo lungo pomeriggio in piazza Martiri erano presenti  anche tanti bambini e le istituzioni con il Sindaco Gianguido D’Alberto in primis che ha voluto ricordarlo. Pianti, silenzi e applausi, in una piazza gremita e commossa solo per lui e per la sua famiglia, in un lungo affettuoso abbraccio. Le urla finali poi al grido di “Momo vive”, scolpite nella memoria di una intera città.

 

Read Previous

Il Teramo calcio tra mercato, bonifiche, tecnologie ed immagine…

Read Next

Ponte sul Vomano, Sindaci Castellalto e Cellino chiedono tavolo urgente: a rischio finanziamento