Giulianova, la Consulta degli eventi incontra i candidati a sindaco

GIULIANOVA – Al circolo culturale “Il Nome della Rosa” a Giulianova paese, la Consulta degli Eventi ha incontrato i candidati a sindaco di Giulianova nelle prossime elezioni comunali. In apertura dell’incontro la presidente della Consulta Elisa Concetto ha presentato le varie associazioni e spiegato quali sono gli obiettivi di tale organismo. I candidati presenti, che non sono stati invitati singolarmente dalla Consulta ma hanno fatto richiesta di incontrare la stessa, sono stati Franco Arboretti, Jwan Costantini, Dino Macera e Pietro Tribuiani. L’incontro è stato promosso al fine di conoscere come il futuro sindaco si rapporterà con la Consulta degli Eventi. <La nascita della Consulta è stata fortemente voluta da chi crede che l’unione delle associazioni già esistenti che si occupano di cultura, sport, musica, teatro e tutte quelle forme di arte che aggregano le persone sia del territorio e non – ha spiegato la presidente Concetto – possa dare un forte contributo ad una futura collaborazione con l’amministrazione comunale. Se tante realtà si sono unite è stato col preciso scopo di proporre, condividere, promuovere tante proposte che sono già state presentate al commissario e ai dirigenti del comune di Giulianova con formale protocollo il 22 marzo. Nei mesi estivi si cercherà di far transitare i turisti per tutta Giulianova e non solo nella parte che attira maggiormente i vacanzieri ma farli percorrere i siti di pregio storico. Anche i comitati di quartiere hanno offerto il loro apporto e questo sta a dimostrare che la Consulta non è limitata ad organizzare eventi ma ascolta le esigenze del territorio>. Il primo ad intervenire durante l’incontro, moderato dalla segretaria della Consulta Patrizia Casaccia, è stato Franco Arboretti che ha ribadito che, nel suo programma elettorale, <è prevista la creazione di uno sportello unico per le associazioni, un ufficio per le intercettazioni di fondi che sono messi a bando. Arboretti ha poi proposto di, <incrementare le strutture già esistenti, facilitare l’uso di spazi pubblici, riconvertire l’auditorium dell’Annunziata, creazione di un nuovo teatro, ripristinare un cinema e pensato a programmare eventi di livello nazionale, facilitare tutte le iniziative mettendo a disposizione mezzi e persone anche attraverso l’affidamento dell’incarico a manager del campo. Negli anni passati si sono avuti eventi riportati alla cronaca nazionale realizzati al Chico Mendes e nelle piazze>.

E stato poi il turno del candidato sindaco Jwan Costantini, il quale ha dichiarato che, <all’interno delle sue liste si candideranno persone che hanno esperienze nell’associazionismo e credo che l’amministrazione debba mettere a disposizione di chi organizza manifestazioni tutto quello che necessita e, soprattutto, snellire le pratiche burocratiche>. Costantini, nel suo intervento, ha poi dichiarato che proporrà di installare due palchi fissi in due piazze di Giulianova con dei piani di sicurezza già pronti in modo che le strutture possano essere usufruite in qualsiasi momento dell’anno. <Credo che debbano essere solo delle persone competenti nel settore a poter gestire quanto messo in atto sia dalla Consulta degli eventi sia da quanti operano per far movimentare la città sia dal punto di vista culturale che sportivo – ha continuato Costantini – a tal proposito dichiara che lascerà per sé la delega allo sport. Anche le imprese locali beneficeranno del movimento che si andrà a creare realizzando varie iniziative>

E’ intervenuto poi il candidato sindaco Dino Macera che ha ricordato il suo impegno con le associazioni come protagonista in eventi come il Presepe Vivente o la rievocazione della via Crucis. < La consulta degli eventi deve essere protagonista della vita giuliese pertanto deve essere offerta la massima disponibilità di far diventare Giulianova di nuovo protagonista come lo era nei passati anni – ha detto Macera – Il piano di sicurezza non deve essere un ostacolo ed il maggior costo per la realizzazione degli spettacoli, l’amministrazione dovrà garantire, anche attraverso il suo ufficio tecnico, un supporto per alleggerire le pratiche; bisogna individuare dei luoghi, sia all’aperto che al chiuso, per mettere in campo i vari eventi senza pesare, sia come costi che come procedure, sulle associazioni che permetteranno di valorizzare il nostro territorio. Immagina una sala Kursaal con eventi a cadenza settimanale/mensile che possano richiamare tante persone che poi circoleranno per le vie di Giulianova e, soprattutto, in una futura isola pedonale attrezzata. Anche le attività commerciale, che oggi soffrono, potranno trarne beneficio>. <Non credo che un solo assessore di riferimento possa essere adeguato – ha concluso Macera-  ma bisogna costituire un polo che abbia la capacità di gestire tutti i progetti che saranno presentati. Propongo, inoltre, la creazione anche di grandi eventi>.

A seguire è stato il turno del candidato sindaco Pietro Tribuiani, il quale ha spiegato che, <l’amministrazione dovrà mettere a disposizione locali e mezzi. Per il patrocinio oneroso richiesto si dovrà fare i conti con le disponibilità di cassa; per il piano di sicurezza non sono d’accordo all’individuazione di posti fissi ma si dovranno scegliere di volta in volta. Bisognerà valorizzare il centro storico, pianificare insieme alle associazioni del turismo che dovrà essere al primo posto per un’offerta variegata; promuovere iniziative insieme ai comuni vicino per la specificità del territorio. Credo che un Comune debba essere gestito come un’azienda dove entrate/uscite debbano essere amministrate con oculatezza>.

Successivamente sono intervenuti vari membri delle associazioni che hanno posto varie domande ai candidati. Loredana Ascoli del Comitato di Quartiere Lido chiede se la tassa di soggiorno potrà finanziare parte degli eventi. Domenico Canazza, dell’associazione Unica Stella organizzatrice del Presepe Vivente lamenta che i bandi per le manifestazioni hanno scadenza troppo a ridosso della realizzazione e aspettando la risposta burocratica si corre il rischio di non poter realizzare l’evento. Gabriella Cassiani, dell’associazione Fiore di loto, dichiara che negli anni precedenti si è avuta la sensazione che l’amministrazione boicottasse i progetti presentati e bisogna, quindi, invertire la rotta ponendo persone competenti ai posti dirigenziali. Domenico Di Emidio, rappresentante del Comitato Cinema, dichiara che bisogna eliminare gli sprechi e trovare le risorse per le attività culturali. Giuliano Marsili, della Task force ambientale, osserva che a Giulianova si deve fare di più per la raccolta differenziata, per le piste ciclabili ed il cicloturismo, proteggere di più la natura ed adottare il risparmio energetico. Lorenzo Garbatini, del Comitato di Quartiere Annunziata, chiede di focalizzare l’attenzione sul parco Chico Mendes, sala Buozzi, sottologgiato Belvedere, centro socio culturale Annunziata. Tutti siti che hanno bisogno di piano per eventi, ripristino audio, accesso per persone con disabilità e ristrutturazione per permettere eventi di ogni genere. Luigi Chiodi, dell’associazione sportiva Ecologica G, chiede quale sarà l’impegno per le strutture sportive e soprattutto, per il campo di atletica. Infine, Enrico Gagliano chiede se esista una mappatura delle associazioni e un luogo di incontro per tutte.

Read Previous

FOTO | Festa della Liberazione a L’Aquila con il 9° Reggimento Alpini e delle altre Forze Armate

Read Next

Nereto, dissuasori e autovelox: giro di vite del Comune sulla sicurezza stradale