Se siamo in guerra perchè non impiegare l’esercito?

Molti dicono che siamo in guerra. I decreti a raffica che si susseguono giorno dopo giorno, le notizie che ci arrivano da stampa e televisione sono dei veri comunicati di guerra. Al posto di Radio Londra, che informava sullo sbarco degli alleati oggi c’è radio-fake news  che strombazza ogni tanto notizie di presunti complotti, ora a carico di uno ora a carico dell’altro. Gli alleati sono sbarcati, in verità, da ovest e da est: nulla purtroppo dal fronte nord, da quell’Europa per cui ci siamo tanto spesi. Dal sud silenzio assoluto, gli aiuti loro li hanno sempre ricevuti, e adesso non saprebbero neanche come ricambiarli.

Ma se siamo in guerra, allora dov’è l’esercito? È in giro per il mondo a tenere alta l’industria delle armi a scapito di quella sanitaria? Giusto per raccogliere qualche polemica. Certamente l’esercito sarebbe utile ora nelle strade per limitare quel residuo traffico di persone che dovrebbero restare a casa. Per rifornire le famiglie di derrate alimentari e beni di prima necessità, e impedire l’affluenza nei supermercati. In fondo l’esercito è già sulla busta paga, non ci costerebbe tanto di più utilizzarlo per evitare gli assembramenti, tenere la gente dentro casa. Prima si esce da questa situazione meglio è, sia dal lato sanitario, sia da quello economico. Perché l’economia può sopportare una quaresima, ma poi deve ripartire, poi deve arrivare la pasqua al termine! Le famiglie non possono rimanere senza l’introito della volgare paga, e la cassa integrazione di un paio di mesi è solo un palliativo che non risolve il problema! Molti soffriranno di una indigenza economica dalla quale sarà difficile uscire, la disoccupazione potrebbe raggiungere livelli mai visti.

Meglio sarebbe concentrare la quarantena nel più breve tempo possibile e ricominciare subito dopo l’attività produttiva nelle fabbriche. Non basta inventarsi un’auto-dichiarazione al giorno per fermare l’epidemia, né la promessa di compensazioni economiche a pioggia. Oggi, più che la pioggia, è la neve a cadere, e porta solo freddo.

 

Pasquale Felix

Read Previous

Coronavirus, sono 61 i pazienti positivi ricoverati nel teramano: 10 in rianimazione

Read Next

Calcio: la lettera ad un campione, di Vittorio Pompa