Fesr energia: pubblicate graduatorie progetti ammessi

PESCARA – Sono 75 le imprese abruzzesi tra piccole e grandi che vedranno finanziati progetti per la realizzazione e installazione di impianti produzione energetica da fonti rinnovabili e per l’efficientemento energetico di edifici e sedi adibiti all’attività produttiva. È stata pubblicata sul sito della Regione Abruzzo (http://www.regione.abruzzo.it/content/por-fesr-abruzzo-201420-%E2%80%93-asse-iv-azione-iv21-%E2%80%93-%E2%80%9Cefficientamento-energetico%E2%80%9D-%E2%80%93-graduatorie) la graduatoria a seguito dell’esame effettuato dagli uffici regionali delle tante domande arrivate da parte delle imprese abruzzesi. Finanziato per 10 milioni di euro nell’ambito della programmazione Fesr 2014-2020, il bando di efficientamento energetico ha avuto un grande successo testimoniato dalle 325 domande di finanziamento arrivate per tutte e tre le linee di intervento previste dal bando. Si tratta di una risposta importante da parte delle imprese abruzzesi, che testimonia da una parte la volontà delle aziende di rinnovare i propri impianti energetici destinati alla produzione e dall’altra l’interesse a rendere sostenibili gli insediamenti industriali per una maggiore competitività. La stessa natura del bando prevedeva del resto una linea di intervento, la 2, rivolta soprattutto alle grandi imprese relativa alla realizzazione di impianti di co/trigenerazione anche alimentari. Su questa linea sono state dichiarate ammissibili 12 domande di cui 5 finanziate per un impegno complessivo di 4 milioni di euro. Per la linea 1 relativa all’efficientamento energetico di sistemi produttivi e delle strutture delle Pmi le domande ammissibili sono state 25, ne sono state finanziate 19 per un totale di un milione di euro. Più consistente la partecipazione sulla linea 3 che prevedeva, per le Pmi, la possibilità di rinnovare i propri impianti di produzione energetica: le domande ammissibili ammontano a 287, quelle finanziate 51. L’obiettivo ulteriore è il reperimento di ulteriori risorse in modo da permettere lo slittamento della graduatoria. Non è impresa agevole perché si tratta di reperire ulteriori 17 milioni di euro, anche se per 9 si è sulla buona strada. Nel caso in cui gli uffici regionali interessati dovessero riuscire a reperire le risorse per finanziare tutte le istanze, la misura del Fesr raggiugerebbe la cifra record di 27 milioni di euro

Read Previous

Calcio C, è un Teramo “abbondante” quello che riceve un Potenza da non sopravvalutare

Read Next

Imposta di soggiorno, Fratelli d’Italia Pineto risponde al sindaco Verrocchio