La Città cambia volto: Serena Suriani nuovo Direttore e Filippo Lucci nel Comitato Editoriale

TERAMO – Come avevamo largamente anticipato, Alessandro Misson non è più il direttore del Quotidiano “La Città” (Alessandro Misson lascia la direzione del quotidiano La Città ). Nel riformulare al collega Misson stima e solidarietà, pubblichiamo la nota stampa del gruppo Editoriale New Editor srl, società editrice de “La Città” a firma dell’Amministratore Unico, Roberto Falò.

Il gruppo Editoriale New Editor srl cambia volto e si rinnova. La direzione del quotidiano “La Città”, in edicola con “Il Resto del Carlino”, verrà proposta alla giornalista Serena Suriani, mentre, a Pietro Colantoni il ruolo di vice direttore. Sempre alla giornalista Serena Suriani verrà proposta anche la direzione del mensile free press “Il Cittadino”. La novità più importante tuttavia, riguarda la nascita di un Comitato Editoriale, la cui presidenza verrà proposta a Filippo Lucci, che avrà lo scopo di rilanciare il quotidiano e di avviare nuovi progetti. Numerose le sfide che “La Città” intende intraprendere nei prossimi giorni e nei prossimi mesi, obiettivi che sin da novembre 2019 il piano di sviluppo editoriale ha messo in cantiere: innanzitutto un rinnovato portale web, www.lacittaquotidiano.it per proseguire con la web tv, strumenti che avranno lo scopo di stringere una maggiore sinergia con il territorio e con i lettori.
Tutto questo sarà possibile grazie all’assoluta consapevolezza delle competenze dei giornalisti che quotidianamente spendono la loro grande professionalità per l’ottima riuscita del giornale, certi della necessità di una costante valorizzazione di ognuno di essi.
La New Editor srl, nella persona del dott. Giampiero Ledda, infine, tiene a ringraziare per l’ottimo lavoro svolto in questi anni il direttore uscente, Alessandro Misson, augurandogli le migliori soddisfazioni professionali.

Read Previous

Sanità, Paolucci a Febbo: “L’assessore prende lucciole per lanterne”

Read Next

Tortoreto, Giornata della Memoria: Comune dona poesia di Anna Frank agli studenti dell’Istituto Comprensivo