Salotto culturale di “Prospettiva Persona” con Daniela Poggi

TERAMO – Mercoledì 29 Gennaio 2020  alle ore 17,45, nei locali di Via Vittorio Veneto 11,  il Salotto culturale “Prospettiva Persona” (con patrocinio di Fondazione Tercas, Ministero per i Beni artistici e culturali  e per il turismo, Caritas diocesana Teramo-Atri), propone un incontro speciale con un’attrice di successo Daniela Poggi. La conversazione verterà sul tema “Arte e Fede“.

Daniela Poggi , Attrice di cinema e teatro, è nata a Savona da padre mercante d’arte e madre estetista. Comincia ad appassionarsi al mondo dello spettacolo lavorando come animatrice in un villaggio turistico a Djerba in Tunisia. Entra nel mondo dello spettacolo nel 1977 come conduttrice di un programma su una piccola rete locale di Milano. Successivamente diventa speaker del telegiornale di “TeleMilano”.

In pochi sanno che nel 1977 ha partecipato come ballerina al Festival di Sanremo durante l’esibizione dei Matia Bazar. Due anni dopo è la soubrette de “La sberla“, varietà trasmesso su Rete 1. Debutta a teatro nel 1978 con Walter Chiari in “Hai mai provato nell’acqua calda?“.  Autrice anche di uno spettacolo teatrale “Io madre di mia madre” dedicato alla madre malata scomparsa.   Lavora con Pietro Garinei, Mario Scarpetta e tanti altri, dividendosi tra cinema e televisione. Sono tantissime le fiction e serie tv che la vedono protagonista: da “Voglia di volare” con Gianni Morandi, “Incantesimo”, “Una donna per amico”, “La ragnatela”, “Il coraggio di Anna”, “Vento di ponente”, “Il maresciallo Rocca”, “Nebbie e delitti”, “Capri 2”, “Io e mio figlio – Nuove storie per il commissario Vivaldi” .  La recitazione resta ad oggi  la sua più grande passione.

In passato l’attrice è stata legata a Walter Chiari di cui conserva un ricordo bellissimo: “…era mitico, un’enciclopedia di conoscenza, generoso, signore e dolcissimo” ha raccontato durante un’intervista.

 

Read Previous

Teramo, scontro auto-moto sul Lotto Zero: due feriti, grave il centauro 60enne

Read Next

Doveva scontare 6 anni di pena ma lavorava in una ditta teramana, arrestato