Montorio e Covid, per il PD grave latitanza istituzionale nell’incontro con Conte

MONTORIO AL VOMANO – Nella giornata di ieri si è svolto, in videoconferenza, l’incontro tra il Presidente del Consiglio Conte e i Sindaci del cratere 2009.

Incontro fortemente atteso per dare una programmazione alla ricostruzione edilizia ferma ormai da troppo tempo.

Il nostro Comune purtroppo non era rappresentato da nessun delegato.

La priorità del Sindaco Altitonante, che in campagna elettorale prometteva di ricostruire l’80% del Centro storico in 5 anni, si è stoppata alla prima occasione.

Ci saremmo aspettati un resoconto di quanto deciso nella riunione di ieri, ci dobbiamo accontentare da quanto riportato dalle rassegne stampa.

Alla luce di quanto sopra sarebbe opportuna una informazione chiara ed esauriente sulle azioni migliorative che di sicuro sono scaturite in seno al convegno stesso. Si ritiene infatti che i cittadini montoriesi soprattutto quelli coinvolti nel sisma 2009, meritino di essere messi a conoscenza degli elementi di novità che attendono da anni e che sicuramente sono emersi e portati a conoscenza di tutti i sindaci del cratere  presenti in videoconferenza

Il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, ha annunciato il rifinanziamento del sisma 2009 per 2,75 miliardi di euro. Il premier ha annunciato inoltre che il Cipe, nella prima riunione utile, approverà il bando da 6.5 milioni di euro per il riconoscimento di contributi a fondo perduto per le attività produttive colpite dalla crisi generata dal coronavirus. Una boccata di ossigeno per le nostre imprese in difficoltà.

Alla richiesta dei Sindaci presenti è stata concessa la possibilità di introdurre una più puntuale e sostenibile programmazione a sostegno degli interventi necessari per rilanciare il territorio aquilano e di tutto il cratere, garantendo l’utilizzo delle risorse del Recovery Fund oltre una maggiore disponibilità di risorse dal Programma Restart.

Infine una buona notizia, verranno stabilizzati i dipendenti precari.

Nuovi contributi non solo a favore della ricostruzione dei beni pubblici e privati, ma mirati a finanziare progetti di rilancio socio-economico compresi la ricerca, lo sviluppo industriale, il sostegno alle imprese, l’ambiente, il turismo e la cultura”.

Infine, al Governo è giunta la richiesta del riconoscimento in favore del Comune dell’Aquila e dei restanti 56 comuni del Cratere del contributo straordinario per le maggiori spese e minori entrate conseguenti al sisma del 2009, relativamente al triennio 2021-2023; “contributo pari a 10 milioni di euro per il Comune dell’Aquila e 1,5 milioni di euro per i restanti comuni del Cratere. Sia nel ‘Decreto Sisma’ che nel ‘Decreto Agosto’ non sono state, infatti, recepite le proposte di emendamento in tal senso sostenute dalla Regione Abruzzo e finalizzate ad assicurare, senza soluzione di continuità dal 2011 al 2020, il riconoscimento di tale contributo straordinario anche relativamente al triennio 2021-2023”.

Caro Sindaco, ribadiamo la nostra disponibilità a collaborare per la gestione dell’emergenza Covid, soprattutto in virtù dei numeri di contagi relativi al nostro paese che destano più di una preoccupazione.

A nostro parere in questa fase emergenziale è fondamentale concentrare gli sforzi solo sulle attività indispensabili; le attività non essenziali, come la pulizia programmata per le varie frazioni, devono essere rinviate a tempi più sicuri. Avremo altre occasioni per svolgere azioni atte a sensibilizzare la collettività, riteniamo che la prima azione che debba essere attuata sia quella di ribadire l’importanza del distanziamento sociale e della sicurezza. Priorità assolute dei nostri cittadini.

Circolo Pd Montorio Al Vomano.

Read Previous

Coronavirus, Teramo, D’Alberto e Filipponi in perlustrazione: “Voi giovani dovete rispettare la regole”

Read Next

Coronavirus, ulteriori 2 casi positivi ad Alba Adriatica