Atri, al Polo illuminati tutte le misure di sicurezza con le “bolle”

ATRI – Il 23 settembre 2020 in diretta streaming dall’aula magna del Polo Liceale “L. Illuminati”, il dott. Enrico Marini, primario del reparto di medicina dell’ospedale “San Liberatore” di Atri, ha avuto un incontro virtuale con studenti, genitori e docenti. Nel corso dell’incontro il dottor Marini, che è stato in prima linea nella lotta contro il Covid-19, nel periodo del lockdown ha ribadito la necessità della piena attuazione dei prontuari elaborati dalla Scuola. Poche e semplici regole che vanno rispettate rigorosamente, senza alcuna deroga, in quanto il rischio del contagio è ancora alto. Ha, inoltre, rassicurato gli uditori sulla tenuta del Sistema sanitario che è pronto a contenere un’eventuale nuova ondata. Il Dipartimento di prevenzione dell’ASL, i medici di famiglia, i referenti Covid-19 nominati in ogni Istituzione scolastica collaboreranno ai fini di un’efficace comunicazione e di una fattiva interazione. Il Dirigente scolastico, Daniela Magno, ha colto l’occasione per ribadire le azioni messe in campo dal Polo liceale nel periodo estivo, ai fini di una sicura “ripartenza”: – Costituzione del Comitato Tecnico AntiCovid; – Nomina del Referente Covid; – Interlocuzione con l’Amministrazione provinciale per l’ampliamento degli spazi disponibili; – Intese con la Direzione della TUA per ottimizzare i trasporti; – Predisposizione del documento “Procedura per gestione emergenza agente biologico covid-19”, allegato al Documento di valutazione dei rischi negli ambienti di lavoro, in collaborazione con il Responsabile del S.P.P. Prof. Riccardo Ridolfi e il Medico competente Dott. Savino Fatone; – Richiesta all’USR Abruzzo di implementazione dell’organico per personale docente e ATA; – Acquisto di materiali e dotazioni utili alla ripresa in sicurezza delle attività didattiche, sia per quanto riguarda la sanificazione sia per quanto concerne i dispositivi di Protezione Individuale e la segnaletica; – Richiesta al MIUR di banchi monoposto rettangolari in sostituzione dei banchi quadrati più ingombranti, per le aule meno spaziose; – Elaborazione di protocolli sintetici da fornire alle famiglie e agli operatori scolastici per l’informazione sulle procedure condivise da seguire; – Elaborazione di un piano orario compatibile con le esigenze di trasporto. Ha completato la presentazione la prof.ssa Derna Gramenzi, che ha illustrato la suddivisione delle sedi in “bolle di sicurezza sanitaria”. Ogni “bolla” che sarà contraddistinta da un colore, avrà ingressi e spazi dedicati (aule, corridoi, bagni…) in modo da limitare al massimo gli spostamenti all’interno dell’edificio. Tale misura, inoltre, consentirà di tracciare i contatti in caso di contagio. E’ intervenuto, infine, Daniele Leone, rappresentante di Istituto che ha rivolto domande pervenute dagli studenti. Alla regia dell’evento streaming altri due studenti: Andrea Marinelli e Francesca Rapagnetta.

 

 

Read Previous

Scuola, rientro in classe per 39.000 studenti teramani. Per la Cgil ancora tanto da fare

Read Next

Silvi, il saluto del sindaco Andrea Scordella in occasione della riapertura delle scuole dell’Istituto Comprensivo “G. Pascoli”