Gaia Sabbatini si misurerà sugli 800, come l’anno scorso. Lorenzo Mantenuto nel lungo, Ludovica Montanaro nel peso

Si celebra a Rieti la 112^ edizione dei Campionati Italiani Assoluti, da venerdì 24 a domenica 26 giugno. Un’edizione molto più selettiva degli altri anni, scelta operata dalla federazione con l’intento di accrescerne il livello tecnico e agonistico. Sono state abolite le prestazioni minime di partecipazione, sostituite dal numero chiuso in ogni gara, determinato dai primi undici atleti italiani in graduatoria stagionale più altri cinque provenienti dalla manifestazione di qualificazione denominata Challenge. Scenderanno in pista e in pedana tutti i migliori azzurri, tra i quali Gaia Sabbatini (Fiamme Azzurre), iscritta però sugli 800. Effettuerà una sorta di test sulla falsariga della programmazione 2021, quando si piazzò seconda sul doppio giro di pista con 2’00”75. L’atleta cresciuta nell’Atletica Gran Sasso è prima nella graduatoria delle iscritte con uno stagionale di 2’01”07, quindi favorita d’obbligo per il titolo. La sua compagna di squadra Elena Bellò, attuale capofila stagionale con 1’58”97, gareggerà sui 1500.

La Sabbatini ha disputato finora una stagione con poche ma significative uscite agonistiche, tra le quali il primato personale stabilito sui 1500 nella tappa Diamond League di Eugene, con 4’01”93. Presenti altri due atleti targati Atletica Gran Sasso. Nel salto in lungo ci sarà Lorenzo Mantenuto, che vanta la decima prestazione stagionale con 7,65, risalente però alla stagione indoor. All’aperto ha saltato finora 7,42. In carriera vanta 7,74 stabilito nel 2020. Nel getto del peso sarà in pedana Ludovica Montanaro, campionessa italiana Under 23 in carica, che detiene l’ottava prestazione stagionale con 14,58 metri, che è anche nuovo record regionale assoluto dopo 40 anni.