Teramo si fa teatro dell’automobilismo grazie al Cast: libro più mostra di auto in centro

TERAMO – Il Cast, il Club automoto storiche di Teramo, ha scelto proprio il capoluogo teramano, lì dove la storia dell’automobilismo abruzzese ha tracciato il solco di una tradizione importantissima sul piano nazionale, per presentare in anteprima il libro “Macchine precipitose – da Ferrati a Trulli nel mito dell’eterna corsa in avanti”. Si tratta di una lavoro a più mani voluto dagli autori Francesco Santuccione, Giorgio D’Orazio, Paolo Martocchia, e Paolo Smoglia che interverranno sabato 27 aprile, alle 18, a Teramo nel corso di una presentazione alla Sala Ipogeo su invito del presidente dell’ACI di Teramo e del Cast Carmine Cellinese.
Il volume si configura come una vera e propria storia commentata del motorismo abruzzese storico e moderno ripercorrendo le tappe dal Marchese de Sterlich, il nobile teramano definito come “pilota volante” fino ad arrivare ai campioni dei giorni nostri Gabriele Tarquini e Riccardo Ponzio. “Si tratta di un prestigioso volume – commenta Cellinese – scritto da autorevoli appassionati e che viene presentato in anteprima a Teramo, per rendere definitivamente tributo e gloria a quelli che sono stati e sono tuttora, i grandi protagonisti del automobile in Abruzzo: dal Marchese Volante appunto, a Berardo Taraschi icona assoluta da Teramo fino a Tokyo, dalle gesta della Coppa Acerbo, alla Formula 1 di Jarno Trulli”. Si tratta di un appuntamento immancabile voluto anche per lasciare una traccia di questa tradizione leggendaria ai posteri e arricchito da una sfavillante esposizione di sportive di tutte le epoche in Corso San Giorgio. Infatti la presentazione del libro è in programma all’Ipogeo dalle ore 18, ma il Cast dà appuntamento ai teramani e agli altri visitatori per una speciale mostra di veicoli storici e turistici in Corso San Giorgio già a partire dalle ore 16. Data l’importanza di questa epopea motoristica, il presidente dell’Aci e del Cast Teramo Carmine Cellinese, tiene a ringraziare particolarmente il sindaco di Teramo Gianguido D’Alberto e gli assessori della sua Giunta, che in questi giorni hanno lavorato in maniera collegiale per contribuire all’evento sotto il profilo logistico e organizzativo insieme all’Aci, cogliendo perfettamente lo spirito di una iniziativa che ha voluto sviscerare la storia dell’automobilismo sportivo abruzzese. Una storia che in larga parte è fatta tutta di protagonisti e luoghi teramani. All’appuntamento di sabato 27 settembre, oltre agli autori, al saluto delle autorità, e del presidente Carmine Cellinese, è previsto anche un contributo del rettore dell’Università di Teramo Dino Mastrocola, e dell’ex rettore ed ex presidente della Tua Luciano D’Amico. I teramani sono invitati a partecipare e a unirsi a questa grande festa dell’automobilismo sportivo.

Read Previous

Teramo, martedì incontro su “Politiche attive del lavoro: lo stato dell’arte”

Read Next

25 aprile, per Coldiretti in partenza 6,5 milioni di italiani