Caccia al cinghiale, Imprudente chiede parere Ispra per proroga a gennaio

L’AQUILA – Il Vicepresidente della Giunta regionale con delega all’Agricoltura e alla Caccia, Emanuele Imprudente comunica che nei giorni scorsi, oltre ad inviare richieste a Prefettura e Governo, ha dato mandato agli uffici regionali di verificare con ISPRA in merito alla possibilità di prorogare a gennaio l’attività venatoria, recuperando anche i giorni persi per la caccia al cinghiale in braccata a causa dell’entrata dell’Abruzzo in zona rossa.
La situazione nella regione Abruzzo come in Italia è critica per i numerosi danni che la specie arreca alle colture agricole, come testimoniato dalle accorate segnalazioni delle organizzazioni professionali agricole, e per gli incidenti stradali; per questo perdere la possibilità di poter diminuire la consistenza della popolazione con la caccia in braccata non è assolutamente sostenibile. “Stiamo predisponendo la richiesta di parere all’ISPRA – dichiara Imprudente – che dai primi contatti avuti si è resa disponibile a venire incontro alle criticità della Regione”.

Read Previous

Giulianova, posticipata a febbraio 2021 pagamento Tari per tutte le utenze

Read Next

Violenza e discriminazioni sulla donna, Brandiferri: un centro d’ascolto per sostenere le vittime