Biglietterie TUA, a Teramo e Giulianova ancora chiuse il pomeriggio: la denuncia dei Sindacati

TERAMO – Facciamo fatica a crederci ma purtroppo è così… lockdown alle biglietterie TUA di Teramo e Giulianova, dove tutti i pomeriggi dal lunedì al sabato le saracinesche rimangono abbassate ed è impossibile trovare i biglietti per viaggiare sulle linee di Trasporto Pubblico Locale in provincia di Teramo.

La società TUA ha messo i lavoratori (Part-Time) delle biglietterie in cassa integrazione, lasciando chiusi gli uffici, che ricordiamo, oltre alla vendita titoli viaggio svolgono funzioni preziose di informazione alla clientela.

Con le solite scuse…. tanto abbiamo l’APP… tanto viaggia poca gente….l’Azienda chiude un servizio importante per tutta la collettività. 

Provate a chiedere quanti sono capaci di effettuare l’acquisto del biglietto tramite l’applicazione sullo smartphone, e pensiamo alle persone anziane, o quanti sono alla ricerca di informazioni sugli orari, sui rimborsi, sulle prenotazioni, (l’App vocale ancora non l’hanno inventata…!!)

Dopo il periodo della pandemia e con la riapertura delle diverse attività produttive, molta gente è tornata ad utilizzare  i mezzi pubblici, cosa che resta ancora abbastanza difficoltosa con la ridotta capacità di carico sia per le restrizioni normative sia  per via delle decisioni incomprensibili dell’azienda di non reinserire buona parte dei servizi pre Covid  e  nonostante tutti questi disagi per viaggiare, in aggiunta, si ha anche la difficoltà di reperire i titoli di viaggio ed avere informazioni puntuale sui servizi .

Pochi giorni fa avevamo scritto una nota al consigliere delegato D’Annuntis…con la quale si evidenziavano tante problematiche nella nostra provincia legate al trasporto pubblico locale gestito da TUA… purtroppo nulla è cambiato, anzi le cose sono anche peggiorate…e la questione delle biglietterie dimostra che vi è un totale abbandono societario del nostro territorio.

Evasione tariffaria consentita, solo così potremmo definirla, non abbiamo altri aggettivi, abbiamo finito le forze per denunciare questo fenomeno, che nel corso del tempo ha visto sempre di più aumentare il numero di “Portoghesi”, oggi si tollerano i portoghesi e per di più non si dà la possibilità agli onesti di pagare un normale biglietto.

Le aziende hanno poche leve per migliorare i loro bilanci (che con la pandemia hanno subito un vero e proprio tracollo) una di questa è di far pagare il biglietto agli utenti, ma qui a Teramo è la stessa azienda a non permettere a quelle persone oneste di poterlo fare.

Tutti i pomeriggi della settimana ci sono 40% dei servizi ancora in funzione, con collegamenti importanti come ad esempio: L’Aquila (con coincidenza per Roma), Pescara, Ascoli Piceno, Giulianova e tante altre località minori della nostra provincia, come si possono lasciare le biglietterie chiuse? 

Chiediamo la riapertura immediata delle biglietterie per tutta l’intera giornata e per tutta la settimana, domenica compresa, giornata in cui anche i rivenditori indiretti quali bar e tabaccherie rimangono chiusi.

SEGRETERIE PROVINCIALI TRASPORTI TERAMO

FILT CGIL

FIT CISL 

UILT UIL

FAISA CISAL 

Read Previous

Silvi, si è dimesso il capogruppo di Forza Italia. Opposizione: la maggioranza non esiste più

Read Next

Teramo, contributo di disoccupazione non arriva: disperato entra con la forza all’Inps