VIDEO | TOLLERANZA ZERO CONTRO ABBANDONO RIFIUTI, CONVENZIONE GADIT CON CONTROLLI E FOTOTRAPPOLE PER COMBATTERE GLI INCIVILI

TERAMO – Campagna contro l’abbandono dei rifiuti, perchè è ora di dire basta al degrado. Voluta dall’Amministrazione comunale, dall’Assessore Valdo Di Bonaventura, è stato scelto come luogo di presentazione, e non è un caso, la Villa Comunale, vero luogo che simboleggia la rinascita della cultura ambientale e della città.
Abbinato alla conferenza stampa, il programma  di presentazione del servizio di raccolta sugli Olii esausti presentato dalla Teramo Ambiente. Presente in conferenza il Presidente Pietro Bozzelli.  Dal 1 gennaio partirà il nuovo servizio e saranno consegnati 3.500 contenitori alle famiglie. Gli asset della campagna contro l’abbandono dei rifiuti sono due: tolleranza zero contro gli incivili, per la quale è stata firmata una apposita convenzione con le Gadit, Guardie Ambientali D’Italia, con l’intensificazione dei controlli ed il collocamento delle foto-trappole. Convenzione “passata” in giunta e che dovrà a giorni essere ratificata dal parti. L’Assessore ha anche invitato i cittadini ad essere più consapevoli ed a denunciare situazioni di degrado e di abbandono rifiuti.
Inoltre si punta sulle giornate ecologiche: a programmare mensilmente la pulizia dei quartieri cittadini, con l’ausilio dei comitati e delle varie associazioni ambientaliste. Stamane in conferenza c’erano tutti, da WWF a Rifiuti Zero, da Legambiente, Italia Nostra a Robin Hood e Teramo Vivi Città.  “Con tutti c’è la massima collaborazione. Del resto questa è una battaglia da dover affrontare assieme e molto importante sarà educare i bambini, i ragazzi, gli studenti alla vera bellezza, per lasciare a chi verrà dopo un ambiente pulito e migliore“.

ASCOLTA VALDO DI BONAVENTURA

 

 

Read Previous

REGIONALI, LEGNINI: CANDIDATO CON SINDACI PER CAMBIAMENTO. QUESTO È MODO MIGLIORE PER PARTIRE

Read Next

SANTO STEFANO A CAMPLI: SUITE DI NATALE DELLA BENEDETTO MARCELLO IN MEMORIA DELLO SCRITTORE DI MUSICA GIOVANNI ANTELLI