Breaking News :

Montorio, Colangeli precisa: Sindaco fa demagogia con il cancro, dietro fondi ci sono io ma sono stato redarguito

MONTORIO AL VOMANO – “Con l’Airc non si scherza. Sono stato io avendo la delega al Bim a finanziare l’associazione con i soldi del Consorzio (quota spettante al Comune di Montorio ndr)”. Puntualizza alcuni passaggi il Consigliere comunale del gruppo Misto Mariolino Colangeli in merito alla nota stampa del Sindaco Mario Ennio Facciolini. “E’ vero i finanziamenti ci sono e sono stati dati. Ma durante il Consiglio comunale il Sindaco mi ha redarguito perchè non lo avevo mai informato sulla mia attività. Ma se io non lo avevo informato, lui non poteva sapere che io avevo finanziato l’Airc” – spiega Colangeli – ma non è questo il problema: il problema è che lui risponde sulla pagina del Comune di Montorio, scrivendo che il Bim ha finanziato Airc con 1000 euro, però lui non dice, poi, che dietro ci sono io. Neanche un elogio. Anzi in privato mi  ha redarguito. Però in Consiglio comunale queste evidenze non sono state poste. E’ emerso solo che non  lo mettevo al corrente della situazione al Bim”.

Questa sarà e resterà un brutta pagina del Comune di Montorio e Facciolini ne regalerà altre. – dice ancora Colangeli –  Non ci scordiamo la querelle attorno alla riconsegna delle deleghe del Consigliere Lorenzo Valleriani, con riferimento anche ad un ritiro del contributo ad una assocazione del territorio. Concludo dicendo che è inutile fare demagogia con il Cancro. il progetto condiviso con Francesco Barnabei per il 2020 era quello di comperare, con un programma di investimenti con il Bim, una cucina mobile che fosse da sostegno all’associazione  Airc, ma non solo, a tutte quelle associazioni che lavorano per scopi nobili. Il mio impegno era quello. Adesso spero che questo impegno venga preso da questo nuovo delegato, raccogliendo quello che di buono ho lasciato”.

Read Previous

Viaggio della Consulta nelle scuole, il 28 tappa a Teramo: il Giudice Modugno parlerà di “dignità”

Read Next

Ambulanze 118 in precarie condizioni igieniche e filiale di banca trasformata in studio medico: responsabili denunciati