VIDEO | Martinsicuro, “no trivelle”: presentato il ricorso al Presidente della Repubblica

 

MARTINSICURO – Si è tenuta questa mattina, presso la Sala Consiliare di Martinsicuro, la conferenza stampa per presentare il ricorso presentato dal Comune truentino assieme alla Provincia di Teramo, ai comuni di Alba Adriatica, Tortoreto e Pineto contro la recente autorizzazione del Ministero della Transizione Ecologica ad un progetto dell’ENI SpA per la perforazione del pozzo “Donata 4 DIR” per lo sfruttamento delle riserve di idrocarburi nel mare antistante Martinsicuro e San Benedetto del Tronto a pochi chilometri dalla costa.

 

Per stessa ammissione dell’ENI SpA e come si evince chiaramente dalla documentazione ministeriale si evidenzia come da progetto una delle piattaforme previste al confine del fiume Tronto verrà realizzata entro le 12 miglia dalla nostra costa. Un dato questo che va contro le regole fissate dalla legislazione vigente in materia” sottolineano il Sindaco di Martinsicuro, Massimo Vagnoni, e l’Assessore all’Ambiente, Marco Cappellacci. “Per questo, ma anche per altri motivi, siamo convinti che il ricorso presentato da tutti noi e predisposto dall’Avvocato Pietro Colasante poggi su solide basi”. L’Assessore Cappellacci ha poi ricordato come l’Adriatico, essendo un mare chiuso, risentirebbe maggiormente della presenza, così vicina alla costa, di un tale insediamento, oltre ai danni che potrebbe causare a livello turistico e al settore della pesca, pezzi importanti dell’economia della costa teramana e non solo.

 

E’ dal 1999 che siamo costretti a difendere il nostro mare e le nostre risorse ambientali” ribadisce il primo cittadino di Pineto, Robert Verrocchio. “Questa mattina ho incontrato albergatori e commercianti per i gravi problemi legati all’erosione e mi hanno ribadito la volontà di vedere difesa la nostra costa, ora non pretendiamo di invertire immediatamente la rotta su certe tematiche, ma chiediamo rispetto per le ragioni dei territori che non possono subire passivamente certe decisioni”.

 

La Provincia di Teramo è sempre stata al fianco dei comuni nella difesa dei loro diritti e storicamente è motore di azioni a tutela del territorio e del mare” dichiara il Consigliere Provinciale Lanfranco Cardinale. “Ricordo in tal senso la manifestazione del 2016 a Roseto i due ricorsi già vinti contro concessioni in mare e in terra (sulle colline teramane)”.

 

Le fonti fossili è meglio che rimangono dove sono: sotto terra. Per noi la transizione ecologica è un punto di impegno serio e le conseguenze del cambiamento climatico dimostrano che c’è bisogno di un cambio di passo drastico e soprattutto immediato” il pensiero del Sindaco di Alba Adriatica, Antonietta Casciotti.

 

Infine il Prof. Enzo Di Salvatore, costituzionalista e da sempre impegnato sul tema delle ricerche ed estrazioni di idrocarburi, nel suo intervento ha ricordato il ricorso straordinario al Presidente della Repubblica. “Se in attesa del Piano previsto della riforma della legge si possono fare nuovi procedimenti e congelare quelli in corso, la stessa ENI SpA ammette che un pozzo è entro le 12 miglia sul Tronto e che, alla Regione Abruzzo, non è stato chiesto alcun parere. Questo significa che la Regione Marche ha potuto fare delle prescrizioni e l’Abruzzo no. Purtroppo da due anni aspettiamo il Piano nel frattempo si continua a trivellare”.

 

ASCOLTA IL PROF. ENZO DI SALVATORE

 

 

ASCOLTA LAFRANCO CARDINALI (CONSIGLIERE DELEGATO DELLA PROVINCIA DI TERAMO)

 

 

ASCOLTA MARCO CAPPELLACCI (ASSESSORE DEL COMUNE DI MARTINSICURO)

Read Previous

Scuola, Quaresimale incontra Ministro Bianchi per riapertura

Read Next

Personale Comune Teramo, Cgil e Cisl incontrano Core: saranno pagati gli istituti contrattuali sospesi ed emolumenti 2020

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: